I miei social network

Esperienze

Skype

Skype è uno strumento di comunicazione e in quanto tale per me è un social network. Lo uso fin dagli esordi (settembre 2003) e ad oggi ho toccato 462 contatti. Di questi circa 150 sono contemporaneamente online nell’ora di punta. Circa 200 sono raggruppati in blogger. Nome utente: pandemia.

LinkedIn

Nel social network per contatti business i nodi della rete sono 365. Mi è utile per archiviare le possibili relazioni professionali in maniera efficiente e sempre disponibile. I biglietti da visita sono molto 1.0 e non te li porti sempre dietro. Utile anche per conoscere la storia, almeno professionale, della gente che magari conosci solo da web. C’è anche Neurona ma non mi ha preso.

Last.fm

Non frequento molto il network dedicato alla musica. Di amici ne ho solo 40. Mi piace però l’automatismo che consente di tenere traccia delle canzoni e degli artisti più ascoltati, purché gli mp3 abbiano i giusti tag. Sapresti così che sono un grande amante delle colonne sonore e dei Kings of Convenience. Peccato che non tenga traccia dei brani ascoltati sul lettore mp3 portatile.

Twitter

Ne ho molto parlato recentemente e non mi dilungo, se non per aggiungere che va sperimentato. In una settimana i nuovi contatti sono stati 25 ed ora i seguaci del mio network sono 208. I miei amici sono 158 e continuano a crescere anch’essi. Si scrive preferibilmente in inglese perchè gli amici non sono soltanto italiani.

Flickr

Il network degli amanti di fotografia va molto forte. I contatti in questo caso sono 179. Le foto pubblicate superato 1500 e sono state complessivamente visitate più di 30.000 volte. Bello essere informati tempestivamente delle nuove foto dei propri contatti, anche via feed. Tutto si può commentare e annotare.

Upcoming.org

E’ il network dove segnalare e condividere eventi ai quali partecipare o comunque da seguire. Puoi invitare amici a seguire eventi con te, li puoi raggruppare ed etichettare per parola chiave. Utile a gestire l’agenda pubblica degli appuntamenti e delle conferenze. Sono iscritto da anni ma ho cominciato ad usarlo intensamente ieri. Come puoi vedere l’agenda è abbastanza fitta. Usalo per segnalarmi eventi e conferenze interessanti, che organizzi o alle quale vorresti partecipare.

CouchSurfing

l’idea è semplice quanto geniale. Offire ospitalità e usufruire di ospitalità in giro per il mondo, attraverso un sito Internet che faccia da tramite e che garantisca sulla serietà degli utenti, grazie al giudizio degli altri utenti. Repubblica ne ha parlato nei giorni scorsi. Credo ne sperimenterò l’uso nelle prossime settimane.

MyBlogLog

E’ la comunità dei blogger e dei lettori di blog. Qui ho 106 contatti e la comunità di Pandemia comprende 127 membri. Un codice da copiare sulla pagina del blog consente di vedere gli ultimi lettori arrivati sul blog stesso. Bel fenomeno, intercettato da Yahoo! Se sei un lettore di Pandemia sei formalmente invitato a registrarti e ad iscriverti alla community.

Frappr

In tema di blogger c’è la mappa geografica dove localizzare gli amici, di moda un po’ di tempo fa e poi caduta nell’oblio. Nella mappa di Pandemia ci sono 72 amici. L’ho un po’ trascurata.

2Spaghi

La comunità della condivisione dei ristoranti l’ho scoperta quando era appena nata. Nei mesi successivi ho avuto il piacere di scriverne sul Sole 24 Ore e di conoscerne i due fondatori. 13 amici e qualche ristorante etichettato. Non sono un grande mangiatore. Si vede.

Orkut

Una volta era il mio network preferito, utile solo per le amicizie e ricordare i compleanni. Con il tempo è stato invaso dai brasiliani e l’interesse è scemato. Prometteva bene ma non è evoluto granché. Google sembra averlo abbandonato a sé stesse e si nota.

Altri servizi che uso hanno aspetti social e qualcuno anche un network. Questi sono i primi che mi vengono in mente e probabilmente quelli che effettivamente uso davvero. Non ti resta che collegarti.

Link: I social network su Wikipedia.