Flash News
  • San Francisco per una… Oggi ho avuto la conferma! Da sabato sono a San Francisco per alcuni giorni, prima di raggiungere gli amici di ENEL per un evento che…
  • Il mio dispositivo è… Vignetta di Michael Leunig. Ti consiglio vivamente di visitare il suo sito, ricco di altre vignette sublimi.
  • The People Vs Tech,… Il dibattito sullo scontro tra società, democrazia, internet, digitale e giganti del tech si arricchisce ogni giorno di nuovi contenuti e opinioni. (altro…)
  • MLOL, Il prestito digitale… Pochi amanti della lettura sanno purtroppo che quasi tutte le biblioteche italiane supportano il prestito digitale di libri. Non c'è niente di più comodo, secondo…
  • Google e Facebook: favoriti… Il 25 maggio entra in vigore la nuova normatica europea sulla privacy (GDPR). Te ne sarai accorto, anche da semplice utente, perché tutti i servizi…
Facebook Twitter Linkedin
Media & Social media

Il contenuto non è più re, ma non è quel che pensi #ebook

Ben Evans spiega in poche parole perché l’innovazione nel mondo del libro digitale si è di fatto arrestata. Finché Amazon ha considerato il contenuto libro (ebook) un elemento differenziante, per attrarre nuovi clienti (e fidelizzarli), l’ebook è decollato. Nuovi ebook reader, nuovi Kindle, nuovi negozi online, iBooks di Apple, Google Play Books di Google, Kobo comprato da Rakuten. Spremuto al massimo il limone, nelle condizioni di mercato, Amazon è passato al video e gli altri hanno mollato. L’unico rimasto, serio, è Kobo, che però non ha le risorse per ribaltare una situazione in cui Amazon è di fatto il monopolio del libro digitale.

Amazon si è giocato tutte le carte che poteva per vendere Amazon Prime attraverso gli ebook e ora è passato ad Amazon Prime Video, che richiede ben altri investimenti e che ha un potenziale (la televisione!) ben diverso dalla lettura.

Non è un caso se, come afferma correttamente Evans, le conversazioni che riguardano i libri (digitali) sono tornate a essere mere conversazioni all’interno del mercato dell’editoria e non più conversazioni sulla tecnologia (e i grandi player dominanti). Gli editori non hanno alcun interesse a spingere il digitale, considerando che, se fanno bene il proprio lavoro, guadagnano di più con i libri di carta. Vedi prezzo degli ebook più alto dei tascabili negli USA e il conseguente calo di vendite del digitale.