Flash News
  • World inequality report 2018:… Per caso ho scoperto un report che tutti dovremmo leggere: World inequality report 2018. In poche pagine, basta guardare qualche grafico e improvvisamente il disagio…
  • Il culto della tecnologia… Sono quasi diventato intollerante alle conversazioni in cui l'oggetto è il culto della tecnologia. Discussioni sul nulla. In genere gli eventi di lancio di nuovi…
  • Lavoratori sfruttati nella fabbrica… Niente di nuovo verrebbe da dire, purtroppo. Ieri il Guardian pubblica l'ennesima inchiesta dove emerge che la produzione cinese di tecnologia non rispetta neanche le…
  • Come rompere la dipendenza… Ieri ho acceso la televisione per la prima volta da circa 6 settimane. Ho collegato il computer e ho visto l'ultima puntata di una serie…
  • Gli autunnali: storia della… Spesso si ignora quale e quanto lavoro ci sia dietro la copertina di un libro. Qui Luca Ricci racconta la genesi della copertina del suo…
Facebook Twitter Linkedin
Media & Social media

L’umanità dei social media, al tempo delle stragi

Ieri leggevo un titolo della notizia dell’ennesima strage in una scuola americana. Ho passato oltre, al titolo successivo. 17 è un numero impressionante, ma non è la prima strage simile giusto? Ormai non è quasi una notizia, poi è successo negli USA, che ci importa?

Stasera, quasi per caso, un utente che seguo su Twitter ritwitta un tweet di commento della strage. Di tweet in tweet, finisco sui profili di alcuni dei compagni di scuola dei 17 ragazzi uccisi in una giornata qualsiasi, senza un perché. Tweet di sconcerto che non si capacitano di cosa sia successo. Ne riporto alcuni a seguire. Non c’è bisogno di commentarli, parlano da soli.