Flash News
  • Bohemian rhapsody ha fallito Recensione che non fa sconti e colpisce nel segno. Instead, the film winds up being the last thing Mercury himself would have wanted it to…
  • Leggere, leggere, leggere, leggere,… Indovina qual è il consiglio di Werner Herzog per chi vuole fare il regista? https://www.youtube.com/watch?v=RNAcQO2ZQBA Ovviamente, dal mio punto di vista, il consiglio vale per…
  • Andamento dei quotidiani –… L'analisi mensile di Blitz sull'andamento delle vendite dei quotidiani italiani è impietosa. I giornali oggi vendono un quarto delle copie che vendevano 20 anni fa.…
  • La scelta etica Lo ammetto, sono sorpreso. Dopo aver reso pubblico il desiderio di allontanarmi dai social media, prima personalmente, poi professionalmente, per una scelta etica, ho ricevuto…
  • Mondadori taglia un giornalista… Il CdR Esecutivo Mondadori denuncia e respinge con sdegno l’ennesimo attacco alla dignità e al futuro dei giornalisti perpetrato dall’azienda, che ha annunciato 35 esuberi…
Facebook Twitter Linkedin
Media & Social media

La vita digitale dopo la morte è un’industria!

Di che fine fanno le nostre informazioni digitali quando non ci siamo più, è un tema che mi appassiona da tempo. Oggi per caso sono finito, da Twitter, su un articolo pubblicato sulla rivista Nature Human Behaviour dove si parla proprio di questo tema, in termini di etica della gestione dei dati. Dall’articolo ne ho trovato un altro citato, dove c’è un elenco lunghissimo di servizi che, in un modo o in un altro, si interessano della vita dopo la morte dei dati digitali. C’è anche un termine per definirli: digital afterlife industry (DAI).

An ethical framework for the digital afterlife

The Political Economy of Death in the Age of Information: A Critical Approach to the Digital Afterlife Industry