Flash News
  • Podcast, il fenomeno del…… Avere un archivio di pensieri sotto forma di blog aiuta a contestualizzare alcune tendenze, come quella del podcast. Nel lontano 2006 avevo l'ardire di scrivere…
  • I miei social network… Nel fare pulizia nell'archivio di questo blog, mi imbatto in un innocente post con i miei social network, edizione 2017. Oltre alla tenerezza di vedere…
  • Che differenza c’è tra… Horizontal reading rules the day. What I do when I look at Twitter is less akin to reading a book than to the encounter I…
  • notebook, il blog per… Mubi, piattaforma di streaming pensata per cinefili veri - un film che cambia ogni giorno e che sparisce dopo 30 - ha un ottimo blog…
  • Silicon Valley, il vento… The New Republic dedica la copertina al cambio di orientamento verso la Silicon Valley, da positivo incontrastato a negativo. Quattro storie che leggerò appena possibile.…
Facebook Twitter Linkedin
Lavora meglio

Company of one

Company of One, by Paul Jarvis

There’s no such thing as perpetual growth. Yet that’s what traditional business people crave. But what is growth meant to achieve? If Oxford University is so successful, then why isn’t there a branch in Washington, D.C.? If a symphony is successful with 120 musicians, why not even more so with 600? “To grow bigger” is not much of an effective business strategy at all.

Company of one di Paul Jarvis, appena uscito, racconta la sua esperienza di piccolo e bello. Il contrario della retorica dello scalare e di diventare sempre più grande. Piccolo è bello. Hai quanto ti basta e sei ricco in termini di flessibilità e di tempo. Nel mio piccolissimo, mi sembra di rileggere la storia della mia carriera professionale. Lo leggerò con grande interesse.

via Doug