C’era una volta Il Sole 24 Ore

commenti 12
Media & Social media

Leggere i dati sulla vendita e diffusione dei quotidiani italiani è ogni mese drammatico. Gli ultimi dati certificati ADS per il mese di maggio 2019 confermano una tendenza in corso, ma per alcuni si aggrava.

Il Sole 24 Ore, giornale per cui ho scritto molti anni e che una volta diffondeva tranquillamente 350.000 copie, oggi è in calo verticale. In edicola segna -24% e vende appena 47.000 copie al giorno. Gli abbonamenti, sempre stati il suo forte, segnano un -12% per quelli di carta e un -28% per quelli digitali (le copie digitali vendute a un prezzo almeno parti al 30% del prezzo di copertina sono quasi tutti abbonamenti). Il totale è un -23% che significa che la vendita galleggia a 107.000 copie. Se continuasse così, entro la fine dell’anno scenderebbe già sotto le 100.000.

La Stampa è scesa sotto le 100.000 vendute in edicola (97.000) e con le copie digitali e gli abbonamenti sta appena sopra 120.000 (-10%). I tempi delle 200.000 copie sono lontanissimi.

Altri cali a doppia cifra, anno su anno, riguardano Il Fatto quotidiano, La Gazzetta dello sport, Il giornale e Italia Oggi.

Repubblica e Corriera della Sera galleggiano intorno a un -6%, che diventa -7,9% per le copie di Repubblica vendute in edicola.

Corriere della Sera, Fatto quotidiano, Gazzetta dello sport, Il giornale, Italia oggi, Libero, il Manifesto, il Messaggero, Il resto del carlino, La repubblica, Il Sole 24 ore e La stampa, messi insieme, arrivano a vendere 968.000 copie al giorno, che diventano 1.109.000 se includiamo anche le copie digitali. Un rotondo -10,4% anno su anno, che non accenna a scendere.

Facile prevedere una nuova ondata di calo della pubblicità, tagli alle pagine, cassa integrazione, licenziamenti, calo della qualità e nuovo calo delle vendite. Il digitale, a differenza di quanto accade per New York Times e Guardian, non salverà nessuno (o quasi) in Italia, perché i ricavi da digitali sono molto lontani dal 50%. Molti editori neanche diffondono questo dato.

Una stampa sana e in salute è fondamentale per la democrazia. Gli italiani sembrano avere poca fiducia. Io non li biasimo.

12 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.