Categorie
Formazione permanente

Tamponi e contact tracing

I grafici aiutano a capire. Tomas Pueyo mostra come abbiamo fallito (in italiano) nel non riuscire a fare abbastanza tamponi per molto tempo e l’inefficacia dell’app per il tracciamento dei contatti, a meno che non si cambi il sistema di come funziona, o si usi un sistema a QR code alternativo.

L’Italia è tra i paesi che ha fatto troppi pochi tamponi per troppo tempo.

Sull’app di contact tracing, il sistema attuale ha poche speranze di servire a qualcosa.

Se fosse installato in automatico con l’aggiornamento del sistema operativo e fosse opt out invece che opt in, con la condivisione dei dati e dei contagi in automatico con il sistema sanitario, cosa che nessun sistema attuale prevede, il risultato cambierebbe.

Per ridurre i contagi (e i morti) e il danno all’economia, è evidente che ci vuole un mix di misure – tamponi estesi, tracciamento dei contatti con tecnologia e intervento umano – per le quali non ci siamo ancora organizzati in maniera adeguata.

Credo sia realistico e oggettivo dire che ci dobbiamo preparare a molti nuovi morti e a un ulteriore danno all’economia. Più tardi adottiamo le misure necessarie, peggio sarà in termini di ripresa.