Flash News
  • Podcast, il fenomeno del…… Avere un archivio di pensieri sotto forma di blog aiuta a contestualizzare alcune tendenze, come quella del podcast. Nel lontano 2006 avevo l'ardire di scrivere…
  • I miei social network… Nel fare pulizia nell'archivio di questo blog, mi imbatto in un innocente post con i miei social network, edizione 2017. Oltre alla tenerezza di vedere…
  • Che differenza c’è tra… Horizontal reading rules the day. What I do when I look at Twitter is less akin to reading a book than to the encounter I…
  • notebook, il blog per… Mubi, piattaforma di streaming pensata per cinefili veri - un film che cambia ogni giorno e che sparisce dopo 30 - ha un ottimo blog…
  • Silicon Valley, il vento… The New Republic dedica la copertina al cambio di orientamento verso la Silicon Valley, da positivo incontrastato a negativo. Quattro storie che leggerò appena possibile.…
Facebook Twitter Linkedin

Che differenza c’è tra leggere un libro e leggere Twitter?

Horizontal reading rules the day. What I do when I look at Twitter is less akin to reading a book than to the encounter I have with a recipe’s instructions or the fine print of a receipt: I’m taking in information, not enlightenment. It’s a way to pass the time, not to live in it. Reading—real reading, the kind Birkerts makes his impassioned case for—draws on our vertical sensibility, however latent, and “where it does not assume depth, it creates it.”

Lettua orizzontale contro lettura verticale. Capito ora perché dedico sempre meno tempo ai social media e cerco di immergermi di più nella lettura di un libro?

Here, on the internet, is a nowhere space, a shallow time. It is a flat and impenetrable surface. But with a book, we dive in; we are sucked in; we are immersed, body and soul. “We hold in our hands a way to cut against the momentum of the times,” Birkerts assures. “We can resist the skimming tendency and delve; we can restore, if only for a time, the vanishing assumption of coherence. The beauty of the vertical engagement is that it does not have to argue for itself. It is self-contained, a fulfillment.”

Non è mai troppo tardi per pensare alle proprie finanze personali

Tanto o poco manchi all’età pensionabile, bello o brutto il lavoro che fai, pensare alla pensione non è un esercizio inutile, anzi. Prima si cominciaa pensarci (e a mettere da parte dei soldi) e meglio è. I blog sono il miglior alleato, insieme ai libri ovviamente.

Il mio blog preferito è The retirement manifesto, che per quanto scritto da un americano, offre tanti consigli utilissimi, come questa guida alla pianificazione, della pensione. Una raccolta ragionata di post che ti terranno impegnato a studiare per molto tempo.

Dedicare del tempo alle proprie finanze, a come farle fruttare e a come incrementarle, è anche questo tempo ben speso. The Plutus award sono un ottimo punto di partenza (in inglese) e ho (ri)scoperto anche un libro che studiare: The year of less.


Consigli per leggere di più

  1. Don’t force yourself to finish an entire book. If you’ve already learned one big thing from it, don’t feel obligated to read all the way to the end.
  2. Don’t stop reading because you disagree with something. Exposing yourself to a diverse array of ideas and opinions is essential for growth.
  3. Keep your ego out of it. Remember that reading isn’t a competition: the goal is self-betterment, not reading more books than someone else.
  4. Re-read books you felt strongly about. Whether you loved them or hated them, read them again and see if you missed anything the first time.

Strategia per leggere di più e trarne maggior valore.

via