Visualizza tutti gli articoli in Formazione permanente

formazione permanente

L’apprendimento continuo è un tema caldo. L’Economist a inizio 2017 pubblica uno special report sull’argomento. Negli articoli che seguono trovi spunti su questo tema, con consigli di carattere formativo con corsi online, articoli, guide e altre risorse utili.

Il bello di scomparire

Formazione permanente

In essence, Busch argues that growing up is part and parcel with the independence groomed through secret adventures, hideaways in the forest or on urban rooftops, and imaginary confidants that adults can’t see. Reading How to Disappear, I wondered if we aren’t, as a society, continuously in the process of learning object permanence. If we really believe that things continue to exist when they’re not visible, then why must they always be geotagged, photographed, shared, аnd optimally filtered?

How to disappear: Notes on Invisibility in a Time of Transparency è un libro che tocca temi quanto di più attuali, considerando il momento storico che stiamo vivendo: privacy, sorveglianza, tecnologia, social media e molto altro. Lettura consigliata per acquisire consapevolezza sull’uso della tecnologia.

La recensione di The Paris Review è un buon punto di partenza.… Continua a leggere

Italiani poca gente

Formazione permanente

Marco Valerio Lo Prete, giornalista che mi intervistò nel 2010 per Il Foglio, mi segnala l’uscito di un suo nuovo libro intervista sul tema del calo demografico del nostro paese e sulle sue implicazioni. Il titolo è Italiani poca gente.

In un post di pochi giorni fa segnalavo l’allarme sul calo degli italiani in età da lavoro previsto da qui a 30 anni e del fatto che questo problema non aiuterà certo l’Italia a migliorare lo stato delle finanze pubbliche.

Un tema che vale la pena approfondire.

Italiani poca gente.… Continua a leggere