Flash News
  • La trappola della rete… Allargare l'orizzonte all'editore in lingua inglese, che comprende libri pubblicati negli USA e nel Regno Unito, più Canada e Australia fondamentalmente, apre a nuove esperienze…
  • Il tuo primo ricordo?… – Qual è il tuo primo ricordo? – le chiedeva qualcuno. E lei rispondeva: – Non mi ricordo. Quasi tutti la prendevano per una battuta,…
  • Rapporto conoscenza 2018 ISTAT:… Il Rapporto conoscenza 2018 ISTAT è tutto da leggere. 115 dense di dati e interpretazioni della realtà in cui viviamo. L'Italia di oggi, confrontata con…
  • 120 BPM e Smalltown… https://www.youtube.com/watch?v=1FnZCJ9X820 Ci sono film che una volta visti non puoi dimenticare. 120 BPM, visto ieri perché poco distribuito nella sua settimana di uscita in Italia…
  • Storia della mia ansia,… Daria Bignardi è forse l'unico personaggio televisivo, tra quelli che stimo, che genuinamente sa scrivere. Ha uno stile tutto suo, sa raccontare storie e, soprattutto,…
Facebook Twitter Linkedin

La forza di attrazione del telefono, in un romanzo

L’equilibrio digitale dove meno te l’aspetti, in un romanzo.

Saeed opponeva un minimo di resistenza alla forza d’attrazione del suo telefono. Trovava l’antenna troppo potente, la magia che produceva troppo ipnotica, come se avesse sempre pronto davanti un banchetto sconfinato, e rischiasse di ingozzarsi, ingozzarsi, fino a sentirsi inebetito e nauseato, e cosí aveva rimosso o nascosto o limitato quasi tutte le applicazioni. Il suo telefono poteva chiamare. Il suo telefono poteva mandare messaggi. Il suo telefono poteva scattare foto, identificare corpi celesti, trasformare la città in una mappa quando lui stava guidando. Ma questo era tutto. O quasi. Si riservava anche ogni sera un’ora in cui attivava il browser e si perdeva in angoli poco frequentati di internet. Ma quell’ora era severamente regolata, e c’era un timer a segnalarne la conclusione, uno scampanellio garbato e arioso, come dal fatato pianeta di una sacerdotessa della fantascienza vestita d’azzurro luccicante, e allora lui spegneva il suo browser e non lo attivava piú fino al giorno successivo.

In realtà non è giusto dire “dove meno te l’aspetti”, perché i romanzi contemporanei spesso illustrano il presente meglio di tanti saggi specialistici, come dice Jeff Bezos e ha ragione. Continue reading “La forza di attrazione del telefono, in un romanzo”

L’umanità dei social media, al tempo delle stragi

Ieri leggevo un titolo della notizia dell’ennesima strage in una scuola americana. Ho passato oltre, al titolo successivo. 17 è un numero impressionante, ma non è la prima strage simile giusto? Ormai non è quasi una notizia, poi è successo negli USA, che ci importa?

Stasera, quasi per caso, un utente che seguo su Twitter ritwitta un tweet di commento della strage. Di tweet in tweet, finisco sui profili di alcuni dei compagni di scuola dei 17 ragazzi uccisi in una giornata qualsiasi, senza un perché. Tweet di sconcerto che non si capacitano di cosa sia successo. Ne riporto alcuni a seguire. Non c’è bisogno di commentarli, parlano da soli.

Continue reading “L’umanità dei social media, al tempo delle stragi”

Equilibrio digitale oggi #6: POSSE! Publish (on your) Own Site, Syndicate Elsewhere

Essere in equilibrio digitale significa bilanciare il consumo di contenuti con la partecipazione attiva (e la produzione di contenuti) online. Affidarsi però soltanto a Facebook, Twitter o a un’altra piattaforma proprietaria, chiusa, non è investire nel futuro. Non è equilibrato. L’ideale è invece avere uno spazio proprio (come questo blog) e da questo poi usare il social web per la distribuzione dei link delle pagine web con i contenuti prodotti.

In gergo tutto ciò si definisce con l’acronimo inglese POSSE, che sta per Publish (on your) Own Site, Syndicate Elsewhere. Pubblica sul tuo sito, distribuisce altrove. Pensa ai tuoi contenuti (pubblici): sono chiusi in una gabbia dorata o sono liberi e accessibili da tutti, sempre? Forse è giunto il momento di cambiare approccio.

POSSE

Previsioni azzardate per il 2018 da Scott Galloway

Le previsioni di Scott Galloway per il 2018 sono piuttosto azzardate. Tra le aziende in evidenza, neanche a dirlo, i quattro cavalieri dell’apocalisse. Chi vince ancora una volta sembra essere Amazon. Chi perde, Facebook.

Più che previsioni, le considererei provocazioni. Vale la pena comunque ragionarci su. Certamente non vorrei essere né un editore, né un’azienda che vive di pubblicità online.

https://www.l2inc.com/daily-insights/no-mercy-no-malice/predictions-for-2018

I trend della pubblicità online: mobile, video, social

Gli ultimi dati pubblicati da IAB/PwC per il mercato americano confermano le tendenze in atto da qualche tempo. Gli investimenti sul digitale aumentano. Ciò che li traina è la pubblicità mobile, soprattutto in formato video e su piattaforme social (=Facebook).

adv usa digital

I dati qui sopra si riferiscono al secondo trimestre 2017, rispetto al secondo trimestre degli anni precedenti. Continue reading “I trend della pubblicità online: mobile, video, social”