Flash News
  • Siamo persone complesse Maybe if we all gave each other the space to be complex people — not reduced to public perception, our professional bios, our LinkedIn profiles,…
  • Lettere ed email Azzeccata riflessione sull'uso dell'email oggi. Revving the Treadmill of Life https://www.jamierubin.net/2019/01/16/revving-the-treadmill-of-life/
  • Burning, ti brucia dentro L'osanna della critica internazionale a Burning è strameritato. Un film eccezionale. Venduto in 100 paesi a Cannes, chissà se e quando uscirà in Italia. Se…
  • Il bias politico dei… Magari c'è qualcuno che ha fatto uno studio simile per l'Italia? via
  • Nuovo Twitter desktop? Sembra che Twitter stia sperimentando una grafica semplificata, a due colonne. Quanto è diffuso l'esperimento? Apprezzabile.
Facebook Twitter Linkedin

Spot.Us arriva in Italia

Una buona notizia dal Festival del Giornalismo di Perugia #ijf10 è stato il varo della versione italiana di Spot.us, la piattaforma che consente di finanziare inchieste giornalistiche dal basso.

Tutti i dettagli su Spot.us Italia nella presentazione di Federico Bo a seguire.

Presentazione Spot.Us Italia.

Nelle ultime settimane in Italia è nato Dig-It, simile nel concetto a Spot.us.

La Stampa in Italia 2007-2009 e riflessioni a margine

I dati presentati dalla FIEG nei giorni scorsi segnano un passaggio importante nell’evoluzione dell’editoria quotidiana e periodica italiana.

Mi sembra di capire che gli editori evidenziano alcune tendenze anomale del mercato italiano, quasi a giustificare il calo inarrestabile di copie vendute e di ricavi, oltre che di pubblicità. I lavoratori (leggi giornalisti) costano troppo e incidono sui costi più di ogni altro comparto economico. La pubblicità sulla stampa ha una quota di mercato penalizzata rispetto ad ogni altro paese, gli abbonamenti incidono di gran lunga meno di qualsiasi altro paese e i collaterali sono anch’esssi in calo.

Il risultato di bilancio è in continuo peggioramento, con tutti i dati finanziari in calo costante. Da qui a chiedere la tassa sul web ce ne corre però! Perché non guardare nel proprio orticello e fare un po’ di autocritica sulla qualità espressa e sul livello di soddisfacimento del lettore, includendo dentro anche l’attenzione rivolta al web?

Segue la presentazione. Sul sito FIEG si trova anche la relazione integrale e la relazione sintetica.

Temo che una iniziativa come Print Power, in uno scenario simile, sia destinata a cadere nel vuoto. Perché poi gli editori dovrebbero allearsi con gli stampatori, i produttori di macchine e la filiera della carta?!?! Mi piacerebbe che qualcuno me lo spiegasse!
Gli europei, non per fare l’esterofilo, almeno sanno usare Slideshare…