Flash News
  • In cerca di ispirazione Questo spazio si prende una lunga pausa. Nelle prossime settimane cercherò di nuovo l'ispirazione tra paesaggi urbani, musei d'arte moderna e contemporanea, librerie e altri…
  • Come apparire intelligenti in… Questi sono solo alcuni consigli (ironici) su come apparire intelligenti durante una inutile riunione. 10 consigli per apparire intelligenti
  • La magia della scadenza… If you need the last minute to be your best self, first go manufacture some last minutes. Spesso ne avrei bisogno, tu? Seth Godin: If…
  • Scrivere in maniera inutilmente… Se invece vi rivolgete a un pubblico di persone che conoscono l’argomento di cui parlate, pensate che, se non sono sciocche, scopriranno il vostro bluff.…
  • Digital food marketing: consigli… Nicoletta Polliotto ha pubblicato un libro indispensabile per chi si occupa di ristorazione in Italia oggi: Digital food marketing, pubblicato dal mio editore Hoepli. Ho…
Facebook Twitter Linkedin

L’autoreferenzialità dei giornali italiani

quarantena

Meno di un’ora fa Huffington Post Italia ha validato la pubblicazione di un post che ho scritto 3 giorni fa (!!). Il post, come mi è stato comunicato soltanto poco prima della pubblicazione, è stato tenuto in sospeso per alcune criticità. Quali? Non mi è stato esplicitato, ma ho chiesto spiegazioni.

Non voglio fare ipotesi e non voglio trarre conclusioni affrettate in merito alla mia collaborazione con Huffington Post. Lascio a te il giudizio su quale possa essere stato il contenuto valutato come “critico” e che ha generato la quarantena. L’articolo integrale al link che segue.

Le cause della crisi dei giornali? Approssimazione e autoreferenzialità

Se questa non è autoreferenzialità, non saprei proprio dire cosa sia. Questi articoli sono informazione? Sono un servizio al lettore? Considerando le omissioni, se fossero notizie, lo sarebbero comunque nascondendo parte della notizia complessiva, manipolando a proprio piacimento. Più probabile che tali articoli siano un modo per convincere gli inserzionisti pubblicitari a continuare a investire e rafforzare nella mente del lettore di leggere la testata leader sul mercato.

La mia opinione sulla delibera #AGCOM

Il Secolo XIX mi ha chiesto un breve editoriale sulla famigerata delibera AGCOM che limita il diritto d’espressione online in Italia, appena approvata.

Internet e il digitale da alcuni anni stanno rivoluzionando il modo in cui noi utenti consumiamo i media, e con essi articoli di giornale, musica, film o libri. Un cambiamento epocale, in cui le notizie ti seguono ovunque, una collezione musicale intera si porta in tasca, i libri si possono acquistare in qualsiasi momento e cominciare a leggere in 60 secondi. In questo scenario la normativa sul diritto d’autore ha accumulato ritardi considerevoli, generando forti pressioni dell’industria sul legislatore.

Continua su Il Secolo XIX