Flash News
  • La vita digitale dopo… Di che fine fanno le nostre informazioni digitali quando non ci siamo più, è un tema che mi appassiona da tempo. Oggi per caso sono…
  • One Book, One New… Notevole come la città di New York abbia indetto un sondaggio per scegliere un libro che parla della città, da leggere tutti insieme. Un club…
  • Il futuro della mobilità… Fine settimana all'insegna della mobilità sostenibile. Venerdì avrò il piacere di partecipare a una conversazione promossa da Enel a Roma sul tema della mobilità sostenibile,…
  • Per una gig economy… Openpolis ospita vari contributi di riflessione sulla gig economy, ovvero quell'economia di servizi digitali che permettono di arrotondare con lavoretti abilitati da una piattaforma. Lavoretti…
  • Interrompere un libro che… Una delle ragioni per cui leggo tanto (57 libri e 13000 pagine da inizio anno) è che mi piace sperimentare cose nuove, sono aperto a farmi…
Facebook Twitter Linkedin

Interrompere un libro che non piace non è un male, anzi

Una delle ragioni per cui leggo tanto (57 libri e 13000 pagine da inizio anno) è che mi piace sperimentare cose nuove, sono aperto a farmi soprendere, ma se un libro non mi prende, lo mollo e ne comincio un altro. Trascinarsi dietro libri che non piacciono finisce per disinvogliare la lettura. Invece che un piacere, diventa un dovere e il nostro cervello ci spinge a fare altro. Pensaci: quanti libri hai finito in un tempo lungo, semplicemente perché non ti piacevano? Quanti altri libri avresti potuto leggere nel frattempo?

Queste e altre sono riflessioni intelligenti di Janet Frishberg che ti consiglio di leggere e su cui meditare. Continue reading “Interrompere un libro che non piace non è un male, anzi”