Flash News
  • La trappola della rete… Allargare l'orizzonte all'editore in lingua inglese, che comprende libri pubblicati negli USA e nel Regno Unito, più Canada e Australia fondamentalmente, apre a nuove esperienze…
  • Il tuo primo ricordo?… – Qual è il tuo primo ricordo? – le chiedeva qualcuno. E lei rispondeva: – Non mi ricordo. Quasi tutti la prendevano per una battuta,…
  • Rapporto conoscenza 2018 ISTAT:… Il Rapporto conoscenza 2018 ISTAT è tutto da leggere. 115 dense di dati e interpretazioni della realtà in cui viviamo. L'Italia di oggi, confrontata con…
  • 120 BPM e Smalltown… https://www.youtube.com/watch?v=1FnZCJ9X820 Ci sono film che una volta visti non puoi dimenticare. 120 BPM, visto ieri perché poco distribuito nella sua settimana di uscita in Italia…
  • Storia della mia ansia,… Daria Bignardi è forse l'unico personaggio televisivo, tra quelli che stimo, che genuinamente sa scrivere. Ha uno stile tutto suo, sa raccontare storie e, soprattutto,…
Facebook Twitter Linkedin

120 BPM e Smalltown boy: impegno sociale e cultura musicale

Ci sono film che una volta visti non puoi dimenticare. 120 BPM, visto ieri perché poco distribuito nella sua settimana di uscita in Italia nel 2017, è uno di questi. Racconta le storie di Act Up Paris, un gruppo di attivisti che, nel primo picco di diffusione dell’HIV, si è mobilitato per denunciare le carenze dello stato francese. Il film ha vinto tanti premi perché è stato capace di ricreare quell’atmosfera di speranza e allo stesso tempo di disperazione. Continue reading “120 BPM e Smalltown boy: impegno sociale e cultura musicale”

Hibye, il social network di prossimità per attività faccia a faccia

Interessante il concept di Hibye, nuova app social pensata per mettere in contatto persone vicine a te con interessi o esigenze comuni. Un modo per unire il virtuale al reale. Hibye sintetizza il modo in cui è possibile attivare o respingere una richiesta di contatto, premendo sul bottone Hi o su quello Bye. Il video a seguire lo racconta in meno di due minuti.

Segue la presentazione che ho ricevuto per email, con i link per il download dell’app:

Hibye è un social davvero rivoluzionario: consente infatti la comunicazione “orizzontale” tra utenti in tempo reale, in tutta sicurezza (l’app è geolocalizzata, posso decidere se essere connesso oppure no, ho la possibilità di bloccare immediatamente eventuali utenti scortesi o indesiderati).

Hibye permette di parlare dal vivo con le persone per risolvere non solo le piccole esigenze della quotidianità (condividere un taxi o un caffè) ma anche sviluppare il proprio business e network professionale.

E’ possibile scaricare gratuitamente l’app dall’Apple Store http://apple.co/2uAlQ4S e da Google Play http://bit.ly/2ureobT.

How to break up with Your phone, nuovo libro sul tema equilibrio digitale

Il tema dell’equilibrio digitale continua a generare interesse. Negli USA è appena uscito How to break up with Your phone. Il libro è diviso in due parti. La prima illustra e convince sul fatto che il lo smartphone è diventato così pervasivo che è il momento di fare qualcosa. La seconda parte suggerisce come ritrovare un equilibrio. Continue reading “How to break up with Your phone, nuovo libro sul tema equilibrio digitale”

La politica con la P maiuscola, in 3 libri da leggere prima delle elezioni

In questo inizio 2018 ho letto tre libri che hanno a che fare con la politica, quella con la P maiuscola. Ne consiglio la lettura, meglio se prima delle elezioni. Un po’ meno (inutili) talk show, telegiornali e sondaggi, un po’ più di libri. Ne vale la pena.

Teoria della classe disagiata

Raffaele Alberto Ventura scrive un bellissimo libro che descrive molto bene il sentimento di tutti gli under 40 italiani, la classe disagiata del titolo. Riporto un estratto dell’inizio del libro, molto efficace nell’introdurre il tema.

L’esperimento

Jacopo Iacoboni, giornalista de La Stampa, firma un libro inchiesta sul MoVimento 5 Stelle ricco di dati e analisi. Mette in fila tutti i momenti chiave della storia di questo partito e ne traccia un quadro che non ha bisogno di commenti. Da leggere senza pregiudizi, né a favore, né contro.

Uno scandalo molto inglese

Questo libro si legge come un romanzo, ma è tutto vero. La storia raccontata ha come protagonisti alcuni politici inglesi degli anni ’60 e ’70. Non si discute di politica, se non per alcune leggi chiave, ma vale la pena leggerlo per comprendere come ciò che non avviene davanti alle telecamere, tra scandali e compromessi, sia molto più interessante. Chissà che prima o poi qualcuno non scriva un libro altrettanto divertente sulla politica italiana degli ultimi anni?

Continue reading “La politica con la P maiuscola, in 3 libri da leggere prima delle elezioni”