Flash News
  • Siamo persone complesse Maybe if we all gave each other the space to be complex people — not reduced to public perception, our professional bios, our LinkedIn profiles,…
  • Lettere ed email Azzeccata riflessione sull'uso dell'email oggi. Revving the Treadmill of Life https://www.jamierubin.net/2019/01/16/revving-the-treadmill-of-life/
  • Burning, ti brucia dentro L'osanna della critica internazionale a Burning è strameritato. Un film eccezionale. Venduto in 100 paesi a Cannes, chissà se e quando uscirà in Italia. Se…
  • Il bias politico dei… Magari c'è qualcuno che ha fatto uno studio simile per l'Italia? via
  • Nuovo Twitter desktop? Sembra che Twitter stia sperimentando una grafica semplificata, a due colonne. Quanto è diffuso l'esperimento? Apprezzabile.
Facebook Twitter Linkedin

Si avvicina il MarCamp, il BarCamp delle Marche

Mancano ormai poco più di tre settimane al BarCamp edizione marchigiana, il MarCamp. Il wiki è stato forse un po’ trascurato ma il lavoro del comitato promotore non si è mai fermato.

Se tutto fila liscio, la sede del MarCamp sarà istituzionale e posizionata al centro della città di Ancona. Nessun problema quindi per la raggiungibilità con i mezzi pubblici e con il treno. Non dovremmo neanche avere problemi di spazio. Le presenze non saranno quelle dello ZenaCamp ma sono comunque oltre le aspettative della prima ora.

Saremo inoltri onorati della presenza, attiva e internazionale, di due autorità del mondo Linux/Ubuntu: Richard Weideman e Oliver Grawert. Nei prossimi giorni ulteriori aggiornamenti sulla sede definitiva e una cortese richiesta di aggiungere ulteriori dati personali, al solo scopo di favorire i contatti sociali.

Link: Il MarCamp e lo ZenaCamp.

Come ti seduco il blogger: Microsoft, dBlog e Buzz Paradise

I blogger sono sempre più soggetti di attenzione del marketing, anche in Italia. Per suscitare sentimenti positivi non necessariamente è indispensabile spendere milioni o fare pressioni eccessive. Spesso basta una idea simpatica che strappa un sorriso e dimostra come chi chiede attenzione abbia a cuore il destinatario del messaggio.

Ultimamente tre sono stati i casi che posso citare: dBlog, Buzz paradise e Microsoft.

Daniele, la mente dietro alla piattaforma di blogging dBlog, giorni fa mi chiede un indirizzo per inviarmi qualcosa. Oggi ricevo una busta con il mittente indicato così: ‘1 blogger 🙂‘. La cosa mi ha fatto sorridere prima ancora di aprire la busta, che conteneva un paio di adesivi, subito posizionati (uno) come da figura. A leggere in giro anche Marco ne parla, con le mie stesse senzazioni.

Ieri arriva invece un piccolo pacco dal Lussemburgo e subito lo associo a Buzz Paradise, l’agenzia di marketing che coinvolge nelle proprie campagne gli influenti della rete. Apro e dentro trovo il gadget più simpatico e allo stesso tempo utile che una azienda mi abbia mai regalato: un mouse ottico wireless USB con il logo dell’azienda. Molto, molto apprezzato.

Microsoft mi ha donato, alla presentazione di Windows Vista di lunedì, una copia dell’antivirus Windows Live One Care. Stessa confezione di Windows Vista ma contenuto differente. Non ho disdegnato il regalo, anche se prima di installarlo verificherò online se sia più o meno funzionale. Alcuni degli invitati dicono che nei prossimi giorni arriverà ad ognuno una copia di Vista. Vedremo.

I media che cambiano: Lagardère, New York Times e India

Dalle notizie della settimana non posso non segnalare tre fatti che testimoniano come il mondo dei media, grazie ad Internet e al digitale, stia mutando sotto i nostri occhi.

Lagardère, gruppo editoriale francese tra i più grandi – capitalizzazione in borsa di 8,5 miliardi di euro -, ha annunciato una accelerazione degli investimenti online. Con un piano di ristrutturazione che prevede il taglio del 7-10% della forza lavoro, Lagardère conta di aumentare dall’1% al 5-10% entro il 2010 i ricavi derivanti dall’editoria digitale, a scapito dell’editoria tradizionale dove chiuderà numerose riviste. Lagardère ha sottovalutato l’impatto di Internet al punto tale per cui nuovi entranti, soprattutto sul versante dei femminili, hanno costituito posizioni importanti a discapito dei marchi del gruppo. Oggi è partita la rincorsa: meglio tardi che mai. Mr Lagardère l’ha capito dichiarando a Le Monde che ‘se la stampa non si muove, è condannata’.

Il New York Times non ha paura dei blogger e ha ragione. Il Sole 24 Ore titola ‘Nell’epoca dei blogger a vincere è il giornalismo’ un bel pezzo di Vittorio Da Rold da Davos, dove son raccolte alcune dichiarazioni dell’editore del New York Times, Arthur Sulzberger. L’articolo è disponibile online. I buoni contenuti trionferanno, chiunque li produca. Gli stessi fondatori di Google, ripresi da Davos nel blog dedicato del New York Times, ne sono persuasi:

‘’I think the newspaper has a good future,” Mr. Brin told a small group of reporters at a briefing at the World Economic Forum in Davos. The reason? Quality journalism, he said. As search engines such as Google News turn spot news into a commodity, “unique content is going to become a lot more valuable,” Mr. Brin said, driving demand for “newspapers and writers that generate the best content.”

Le stesse notizie però possono costare meno, seppur professionali. Il Sole 24 Ore racconta venerdì la storia della rivista online 4ecotips che affida alcune inchieste a service indiani. In questo modo lo spessore dei pezzi sembra non essere diminuito ma il costo è solo un sesto. Arriverà anche nel giornalismo italiano, così come nel settore dell’informatica e della tecnologia, la concorrenza dell’India? Il pezzo è di Damiano Beltrami.

In Francia è nato proprio in questi giorni un progetto alternativo di web tv: La Tele Libre, la tv libera. Fulcro del canale è l’informazione.

La foresta pietrificata dei media italiani? Qualcosa sta cambiando? Sì, qualcosa si muove. Da pochi giorni Quotidiano.net ha stretto un accordo con The Blog Tv per promuovere nella sua web tv notizie realizzate dai videoblogger del progetto della blog tv. Discutibile come invece vengano rese in video notizie testuali, con la semplice navigazione di qualche foto, ma su questo The Blog Tv credo non abbia niente a che vedere,