Flash News
  • Siamo persone complesse Maybe if we all gave each other the space to be complex people — not reduced to public perception, our professional bios, our LinkedIn profiles,…
  • Lettere ed email Azzeccata riflessione sull'uso dell'email oggi. Revving the Treadmill of Life https://www.jamierubin.net/2019/01/16/revving-the-treadmill-of-life/
  • Burning, ti brucia dentro L'osanna della critica internazionale a Burning è strameritato. Un film eccezionale. Venduto in 100 paesi a Cannes, chissà se e quando uscirà in Italia. Se…
  • Il bias politico dei… Magari c'è qualcuno che ha fatto uno studio simile per l'Italia? via
  • Nuovo Twitter desktop? Sembra che Twitter stia sperimentando una grafica semplificata, a due colonne. Quanto è diffuso l'esperimento? Apprezzabile.
Facebook Twitter Linkedin

Evviva il Misura internet!

Pomeriggio a ramengo per tentare di far funzionare Ne.Me.Sys, il misura internet certificato dell’AGCom. Peccato che continui a rispondermi che ho un altro dispositivo collegato, quando non ce ne sono! Ore perse per cercare di certificare una connessione penosa di Tiscali. Più facile che faccia prima a cambiare gestore…

Questa la fantastica velocità registrata con un altro software AGCom, senza interferenze:

misura

Banda larga in Italia? Non pervenuta secondo Akamai #sotn13

Akamai ha presentato poco fa a State of the net #sotn13 alcuni dati estratti dal suo report trimestrale sullo stato di internet su scala globale, grazie ai dati raccolti dal suo network. Un network di servizi (usato prevalentemente per erogare streaming video su larga scala, ma non solo) vasto, ma che non è internet in quanto tale. Va preso come un proxy interessante, ma non come oro colato.

mappa akamai

Perché non ha parlato per nulla di Italia? Forse per non gettare sconforto nella platea dell’evento. Vado sul sito e provo a vedere il tasso di adozione di banda larga in Italia, superiore a 4 Megabit al secondo e sopra 10 Megabit al secondo e c’è da piangere. c’è da sperare vivamente che questi dati non siano rappresentativi, perché se lo fossero, sarebbero veramente drammatici. Le connessioni sopra a 10 Mbps sarebbero meno del 3% e quelle sopra i 4 Mbps sarebbero solo al 27,55%, ben lontani dai vertici globali.

A vedere l’andamento della diffusione della banda larga a 4 Mbps non c’è da essere troppo ottimisti, vista la stagnazione dal 2011 a fine 2012.

banda

L’Italia perde colpi nella società globale dell’informazione

itu

ITU, l’organismo che raccoglie dati su scala globale rispetto all’evoluzione delle telecomunicazioni, ha pubblicato un documento sintetico con alcune statistiche illuminanti sulla diffusione della telefonia fissa, della telefonia mobile e di internet nel mondo.

Piange il cuore vedere l’Italia confrontata con il resto del mondo rispetto alla diffusione della banda larga. Non siamo ormai più degni di essere chiamati un paese sviluppato. Perché questo tema non è ai primi posti dell’agenda di governo e neanche in quella dei media o dell’impresa italiana?

Non bulliamoci delle metriche relative alla penetrazione di internet mobile, perché perdiamo colpi anche in questo ambito, rispetto alla posizione di vantaggio che avevamo anche solo qualche anno fa.

Notevole che in questo mondo abbiamo ormai quasi un cellulare a testa: 6,8 miliardi contro 7,1 miliardi di abitanti!