Categorie
Varie

Jair Bolsonaro, il Brasile che non vorresti

Che tristezza il Brasile di oggi. Più violento, più autoritario, meno libero, meno ambientalista, meno attento ai poveri e meno rispettoso delle persone di colore. Peggio, molto peggio, del governo che ci troviamo oggi in Italia. Leggere per credere.

The authoritarian leaders taking power around the world share a vocabulary of intolerance, insult, and menace. Jair Bolsonaro, who was elected President of Brazil on promises to end crime, right the economy, and “make Brazil great,” has spent his career gleefully offending women, black people, environmentalists, and gays.

https://www.newyorker.com/magazine/2019/04/01/jair-bolsonaros-southern-strategy

Categorie
Varie

Il Brasile oggi, da brividi

In Brazil, the right-wing agenda is mostly the following: Gut regulations of all kinds, particularly environmental and labor; cut social spending; make taxation even more regressive; privatize almost every government-controlled asset; expand the privatization of education and health care; increase access to firearms; ban abortions in all circumstances; promote environmentally destructive extractive industries; build more prisons and fill them by passing tougher sentencing guidelines; greenlight more aggressive policing of poor neighborhoods; increase the military’s power and prestige; reign in the press; roll back freedom of information programs; and dismantle laws and programs that support and are supported by progressives. Sound familiar?

Mi vengono i brividi a leggere della situazione politica in Brasile.

https://theintercept.com/2019/02/22/jair-bolsonaro-presidency-brazil/

Categorie
Esperienze

Barista & Farmer 2016: i video

Rimettendo mano ai miei video personali, ho scaricato un video editor per Windows e ho unito tutti i video di Barista & Farmer 2016 in 3 parti, che ho caricato su YouTube.

Farò presto (spero) lo stesso con altri 200 frammenti video, scaricati da Flickr, dove erano parcheggiati, per essere accorpati e caricati su YouTube.

Più che altro è un archivio pubblico personale. Niente di particolarmente eccitante al suo interno.

Categorie
Vivi meglio

Vieni a raccogliere il caffè in Brasile

Ogni esperienza è utile se impari qualcosa di nuovo. Nel viaggio in Brasile, a conoscere i produttori di caffè del progetto Tierra di Lavazza, ho imparato molto. La prima cosa è come si raccoglie il caffè. Un metodo privilegia la qualità: picking. Un altro privilegia la quantità: stripping. I baristi di Barista & Farmer, evento che ha coinvolto 10 baristi da tutto il mondo, si sono prestati a raccogliere il caffè in due piccole gare, come da video e foto a seguire.

Metodo picking

Con questo metodo le bacche del caffè vengono selezionate una a una e solo le migliori vengono raccolte. Il colore è rosso e giallo, segno di qualità.

Categorie
Vivi meglio

La spesa pubblica, l’economia privata, Twitter e ISTAT

Brazil is the new America

Leggendo “Brazil is the new America“, ottimo ebook sull’ascesa del Brasile nell’economia globale, mi sono imbattuto in una tabella illuminante, recuperata poi sul post citato come fonte dal blog MISH’S Global Economic Trend Analysis:

pil

La tabella illustra l’andamento del PIL USA del settore privato, ovvero il PIL tolta la spesa pubblica. Ciò che si evince è che, senza stimolo pubblico, l’economia USA sarebbe ben in recessione da tempo o quanto meno in contrazione, se recessione non fosse tecnicamente la parola giusta.

Mi sono chiesto a questo punto quale potrebbe essere l’andamento dello stesso dato in Italia, aggravato certamente dal fatto che l’Italia in recessione c’è sul serio. Ho posto allora una prima domanda a ISTAT su Twitter nella serata di ieri.

Stamattina, neanche le 8, ho ricevuto una prima risposta.

Precisata da un altro tweet

Provo ora a inviare un nuovo tweet con un link a questo post, così da ricevere, spero, un riferimento online ai dati di cui sopra, per l’Italia, così da poterci ragionare su. Vediamo se questo esperimento di recupero dati attraverso Twitter avrà successo.

Aggiornerò il post con il link ai dati, appena li avrò recuperati.

UPDATE

Pronta risposta di ISTAT. Attendiamo il seguito.

UPDATE 2

Prima della chiusura per il weekend, ISTAT mi risponde pubblicando su Twitter la tabella che avevo chiesto.

pil istat

Notare l’andamento della ricchezza prodotta dai privati, al netto di quanto prodotto e tradotto in tasse. In pratica siamo già in declino da anni. Il taglio della spesa pubblica, necessario, non farà che aggravare una situazione già difficile.

Categorie
Esperienze Lavora meglio Vivi meglio

Di ritorno da un lungo viaggio in Brasile

Dal mio ultimo post sui 10 anni di Pandemia, questo blog è rimasto fermo per un mese. Crisi da pagina bianca? Indigestione da cenoni natalizi? Fuga all’estero? L’ultima ipotesi è quella che si avvicina di più alla realtà: sono stato 5 settimane in Brasile, per piacere e non per lavoro.

Curiosamente il 95% di quelli che si son sentiti dire “vado 5 settimane in Brasile” mi hanno chiesto: per lavoro? Come se fosse in qualche modo una eresia viaggiare per 5 settimane consecutive, anche se in mezzo al periodo di Natale. Ebbene no, non sono andato per lavoro, anche se confesso che sarei molto interessato a valutare una posizione di lavoro in Brasile, magari a Rio de Janeiro. Il Brasile è un gigante in tutti i sensi e merita di essere conosciuto meglio.

Non sono stato in zone più battute dal turismo italiano, come Fortaleza, ma sono stato a Porto Alegre e Rio Grande do Sul, dove le origini europee e italiane sono molto sentite, e a Rio de Janeiro e Salvador de Bahia, più turisticamente globali (anche se c’è da tener conto che il Nord America privilegia i Caraibi e il Messico al Brasile, per via di sconti dei tour operator e dei voli più brevi). L’influenza della cultura europea e italiana si sente e la nostra immagine come paese è e resta forte. L’Italia resta una delle mete più ambite insieme, chissà perché, alla Grecia. Fiat è il leader nel mercato delle auto e se ne vedono tantissime. Tim ha una buona posizione nella telefonia mobile; curioso come la pronuncia in portoghese diventi cim.

Senza commentare l’estensione del paese, comprensibile razionalmente soltanto dopo averci volato su e giù, il Brasile è per molti versi un paese quasi al nostro livello e per altri ancora molto arretrato. I ricchi, su 200 milioni di abitanti, sono già in grado di generare consumi al livello occidentale, rinchiusi però in case protette da alti muri elettrificati, per tenere fuori i malintenzionati. La sicurezza resta un problema nelle metropoli, ma neanche più di tanto drammatico per i turisti, molto tutelati e protetti. Tra il livello di buona ricchezza e la fascia povera delle favelas, che non ho incrociate per ovvie ragioni di sicurezza, c’è una fascia che vorrebbe spendere, ma che ha una bassa disponibilità nonostante tutto. I consumi privilegiano prodotti da “vorrei avere i soldi, ma spendo quello che ho”. Girando per un ipermercato si notano le differenze con l’Europa e la vicinanza con gli USA. Altissimo consumo di soft drink, per esempio, bevute quasi come se fossero acqua, insieme a fiumi di birra. Vino assente, troppo costoso, e acqua minerale consumo da sportivi o poveretti, che al limite aggiungono polveri aromatizzate alla frutta, molto in voga.

Le considerazioni di cui sopra valgono anche per il mercato tecnologico. Tutti vorrebbero iPhone e iPad, ma pochi possono permetterseli. Quindi si vedono fiumi di smartphone Samsung di fascia media e ancora molti Nokia Symbian. iPhone 5 non pervenuto e non distribuito, a quanto sembra. Il Brasile è il secondo mercato globale per Twitter, che ha annunciato recentemente un nuovo ufficio locale, e uno dei primi per Facebook. Non è un caso se Comscore afferma che i brasiliani spendono in media 9,7 ore al mese sui social network, tra i primi al mondo. Facebook è consultato da adolescenti e nonni per tenersi in contatto con la famiglia e gli amici. Più comune chiedere il contatto Facebook che il numero di telefono, sperimentato sulla mia pelle.

Non ho numeri per affermarlo, ma a vedere in giro il traino che il Brasile sta avendo sembra molto basato sull’edilizia e sulle infrastrutture, anche in ottica Olimpiadi e Coppa del mondo di calcio, sui quali si fondano molte aspettative. Strade, stadi sono le infrastrutture su cui si sta investendo di più, a vedere i cantieri.

Il Brasile ha molte somiglianze con l’Italia, soprattutto del sud. Il consumo di tv è elevato e quasi tutte le sere in prima serata c’è una telenovela di grande ascolto, che coinvolge tutte le età e i livelli culturali. Le offerte internet sono quasi tutte triple play, ovvero comprendono telefono e tv via cavo, per un costo pari a una decina di euro. Altra opzione di consumo più sofisticato, ma forse ancora non alla portata di tutte le tasche, è la tv via satellite di Sky, che punta su HD come forza di vendita. I centri commerciali hanno prezzi e prodotti da mercato occidentale, anche se il governo ha da tempo politiche che incentivano gli investimenti in industrie locali, così che su quasi la totalità dei prodotti si trova la scritta “industria brasiliana“. Non ho approfondito, ma molti dei beni importati, compreso l’hi-tech, hanno una forte tassazione che li penalizza, privilegiando quindi le alternative locali o le fabbriche di investitori stranieri in Brasile.

Proprio nel mese di dicembre Amazon ha aperto il Kindle Store in Brasile, annunciando l’arrivo di Kindle a un prezzo quasi doppio rispetto agli USA, per via credo di tali tasse. Girando per le librerie sotto Natale ho notato una forte presenza di titoli globali, come Il seggio vacante o la trilogia delle sfumature. Ho trovato anche titoli americani già tradotti in portoghese e non ancora arrivati in Italia, segno della vivacità del mercato. Altra curiosità è data dall’imponenza delle edicole, ricolme di riviste su riviste. Negli aeroporti è frequente qualcuno che propone abbonamenti a riviste, al posto delle carte di credito, segno probabile dell’espansione di tali consumi, relativamente a basso costo ma capaci di trainare altri consumi o di far sognare chi non ha molto da spendere.

La rete di aeroporti è da primo mondo e TAM una compagnia più moderna di Alitalia sui voli interni in Brasile. Negli aeroporti, superato il controllo di sicurezza che non prevede limite per i liquidi o separazione dei pc, ti accoglie una rete wifi gratuita con accesso riservato ai possessori di carta d’imbarco e decine di torrette per ricaricare cellulare o computer. Due servizi difficili da trovare in quasi tutti gli aeroporti italiani o europei, alla faccia di chi è sviluppato e chi è in via di sviluppo.

Il sistema di trasporti, almeno sulle tre città più importanti che ho visitato, è molto fondato sugli autobus. Metro disponibile a Porto Alegre e Rio de Janeiro, ma con una sola linea in espansione. Il prezzo del biglietto è di 2,80 R$ pari a poco più di un euro e vale solo una corsa. Notare come il fenomeno dei portoghesi è assente, visto che il bigliettaio è su ogni bus e per andare a sedersi è necessario superare un tornello dopo aver pagato (o dopo aver passato l’abbonamento RFID). Questo mi da spunto per segnalare come la forza lavoro sia molto più estesa che in Europa o in Italia, probabilmente per il basso costo del lavoro. Al supermercato c’è chi ti imbusta la spesa e nei negozi i commessi si sprecano. Una conseguenza è che i giovani, seppur con lavori a basso reddito, lavorano tutti d’estate, e molti studenti universitari lavorano studiando.

Il Brasile è un paese così ampio che risulta impossibile da classificare uniformemente. Salvador ha uno stile molto rilassato e una popolazione al 70% nera, Rio una popolazione molto più mista e molto orientata al business (San Paoo probabilmente ancor di più, ma non ci sono stato), e Porto Alegre una popolazione molto più europea (come DNA di origine) e ritmi simili a quelli dell’Europa, vuoi forse anche per il clima sub tropicale più vicino a quello temperato dell’Europa. Preso nel suo insieme, il Brasile ha ancora un fortissimo margine di crescita, anche sul piano del turismo, e la media dei redditi e dei consumi, bassa, avrà bisogno ancora di molto tempo per uniformarsi a quella del mondo più sviluppato.

Una critica che i brasiliano fanno a sé stessi è sull’amministrazione pubblica, considerata autoreferenziale e corrotta, sul piano locale, statale e federale. Non ho trovato nessuno soddisfatto. Tutto il mondo è paese, verrebbe da dire.

In 5 settimane posso dire di aver avuto la possibilità di scoprire tre facce del Brasile diverse tra loro, di aver vissuto da cittadino in famiglia con la possibilità di cogliere alcune abitudini locali e di aver aperto una finestra su un mondo con il quale dovremmo già ora fare i conti. Il baricentro dell’influenza globale si sta allontanando dall’Europa, verso l’Asia e il Brasile. Meglio attrezzarsi, cercando di cogliere le opportunità dove si creano e si sviluppano. Senz’altro questo è il primo capitolo di un libro tutto da scrivere.