Categorie
Media & Social media

Non ti legge nessuno (o quasi) e qui c’è la prova

This is a histogram showing how far people scroll through Slate

Un recente articolo pubblicato da Slate merita di essere letto tutto, ma pochi lo leggeranno tutto, pochissimi. L’articolo gigioneggia un po’, ma ragiona su un tema importante: chi legge fino in fondo gli articoli che pubblichi? Più l’articolo è lungo, meno viene letto, ma quanto meno?

Slate è un magazine e pubblica articoli mediamente lunghi. Ciò non toglie che circa la metà degli utenti non supera la metà dell’articolo e circa il 10% non passa neanche alla seconda schermata. Sul pezzo altri dettagli e considerazioni.

La mia personale considerazione è di imparare a essere brevi e sintetici, il più possibile, ogni volta in cui sia possibile farlo. Due schermate, massimo tre se la grafica del menù fosse impegnativa, e nulla più. Il rischio è di parlarsi addosso e di perdere tempo. Tienine conto.

Seconda considerazione è che siamo così distratti da non riuscire neanche a leggere un articolo che ci interessa e ci incuriosisce. Convinzione che rafforza il mio impegno a cercare più concentrazione, riducendo notifiche e interruzioni varie.

Spero che tu sia arrivato almeno alla fine di questo post 🙂

Categorie
Formazione permanente Lavora meglio Web & Tech

L’effetto (negativo) di Internet sull’attenzione [video]

internet

Internet ci rende stupidi? Non credo affatto. Internet ci porta a ridurre il livello di attenzione e a distrarci facilmente, con effetti negativi sulla concentrazione e sulla produttività? Ne sono assolutaente certo. Perché? L’effetto è ben riassunto da una animazione che ti propongo a seguire, molto curata e immediata da comprendere.

Il contenuto è tratto da Internet ci rende stupidi?* di Nicholas Carr, ma l’ho trovato anche in altri libri, come il libro attualmente in lettura, The distraction trap.

Prendersi delle pause e leggere un libro è buona cosa per interrompere questo circolo vizioso.

Se vuoi qualche suggerimento di lettura, qui ne trovi diversi.

Altro consiglio è abbonarti a Ephipeo che ha realizzato il video di cui sopra.

* Link affiliato Amazon