Flash News
  • Podcast, il fenomeno del…… Avere un archivio di pensieri sotto forma di blog aiuta a contestualizzare alcune tendenze, come quella del podcast. Nel lontano 2006 avevo l'ardire di scrivere…
  • I miei social network… Nel fare pulizia nell'archivio di questo blog, mi imbatto in un innocente post con i miei social network, edizione 2017. Oltre alla tenerezza di vedere…
  • Che differenza c’è tra… Horizontal reading rules the day. What I do when I look at Twitter is less akin to reading a book than to the encounter I…
  • notebook, il blog per… Mubi, piattaforma di streaming pensata per cinefili veri - un film che cambia ogni giorno e che sparisce dopo 30 - ha un ottimo blog…
  • Silicon Valley, il vento… The New Republic dedica la copertina al cambio di orientamento verso la Silicon Valley, da positivo incontrastato a negativo. Quattro storie che leggerò appena possibile.…
Facebook Twitter Linkedin

L’economia digitale è alle porte

La qualità delle segnalazioni del mio network su del.icio.us – dove traccio i link salvati da un gruppo di sessanta utenti da me selezionati per temi e affinità – è così elevata che non ho assolutamente nessun bisogno di andare a cercare informazioni stimolanti (per il cervello) e rilevanti (professionalmente): sono loro che vengono da me. Il problema semmai è assorbirle e farne tesoro.

Questa premessa per dire che se sul blog sono povero di attività a volte, nel retrobottega la macchina di filtro gira al 100%. Ne puoi approfittare anche tu, creando il tuo network o sfruttando i network creati da altri utenti, compreso il mio, sia via web, sia via feed RSS. Uno strumento da affiancare al magma informativo che ci arriva dall’aggregatore di feed RSS e da altri canali social come Twitter. In questa fase del.icio.us sta diventando per me rilevante e, a vedere le persone nuove che traccio, credo lo stia diventando per molti altri. Non devo convincerti, dico solo provaci.

Un ultimo articolo preziosissimo trovato in questo modo è un editoriale di Paul Krugman sul New York Times. In soldoni Krugman si guarda indietro e si chiede come mai le promesse dell’economia digitale, lanciate con l’avvento di Internet di masse, non si siano ancora avverate, con gli effetti molto tangibili e fatti di atomi come la crisi del petrolio e delle materie prime alimentari. La realtà, secondo Krugman, è che ci stiamo piano piano arrivando.

Apripista è stata la musica, con le band costrette a generare altri ricavi con l’avvento del download degli mp3, e la prossima industria a venire colpita Krugman prevede sarà quella del libro. Quando? Molto presto, visto che il lettore di ebook di Amazon, Kindle, sta già avendo un impatto incredibile: il 6% delle vendite di libri su Amazon sono già digitali e il lettore è sul mercato solo da novembre 2007!

Se sui giornali italiani fosse presente qualche editorialista illuminato con la stessa visione di Krugman segnalamelo per favore, visto che le mie fonti su del.icio.us sono quasi al 100% di lingua inglese.

Sul libro elettronico non ho dubbi e ci sono vari segnali – ogni giorno che passa esce sulla stampa USA un nuovo pezzo che rafforza la tesi – che puntano nella stessa direzione. Non faccio altro che segnalarli ad Antonio Tombolini che rappresenta la persona più attenta a queste dinamiche in Italia. Non mi stupisce se Antonio, un paio di giorno dopo la mia segnalazione del BookCamp di Parigi ne abbia messo in piedi una edizione tutta italiana a Rimini l’11 luglio prossimo.

Per addetti ai lavori, curiosi o semplici lettori è una opportunità da cogliere. Non me la farei sfuggire.

LEGGI: Bit, bands and books. (se non hai un login per il NYT usa bugmenot)