Categorie
Esperienze

L’articolo più popolare sul New York Times parla di Napoli

Un titolo azzeccato – Italy Is Sending Another Warning – e l’Italia e i problemi dei lavoratori informali, come li chiamano in inglese, sono oggetto dell’articolo più letto del New York Times oggi, a un mese dall’inizio del blocco della mobilità per Coronavirus.

L’Italia vista dall’estero. Anzi, da New York.

Categorie
Formazione permanente

Ipotesi sulla mortalità da Coronavirus in Italia

Il CEBM dell’Università di Oxford pubblica un riassunto dei dati globali sulla mortalità da Coronavirus, paese per paese.

L’Italia svetta in testa alla classifica. Perché? Queste le risposte della scienza al momento attuale:

Categorie
Formazione permanente

Le previsioni del picco di contagi COVID19, regione per regione

Il Corriere della sera segnala le previsioni dell’EIEF sul picco dei contagi in Italia, regione per regione. Peccato che non ci sia un link. Forse perché il sito è già travolto dal traffico. In ogni caso alla pagina dedicata al Coronavirus si trovano il grafico nazionale e la tabella con le previsioni regionali, aggiornate ogni giorno.

Alcune regioni mancano per dati insufficienti.

Categorie
Formazione permanente

El Pais si pone domande sul conto dei casi di Coronavirus

Non sono il solo che si domanda, sconcertato, perché il calcolo della diffusione del Coronavirus, emergenza classificata come pandemia dall’OMS, non segua delle linee guida uniformi a livello globale (magari europeo, almeno?), ma sia lasciato alle politiche dei singoli paesi.

El Pais si pone questa domanda e segnala come Spagna, Italia, Germania, Regno Unito e Olanda seguano ognuno una propria modalità di classificare casi e morti.

Categorie
Varie

L’impreparazione italiana al Coronavirus

L’impreparazione italiana per affrontare una pandemia emerge anche da uno studio dello scorso ottobre realizzato dal Center for Health Security della John Hopkins University, in collaborazione con The Economist. L’Italia è collocata solo al 31° posto, con un punteggio globale di 56.2 su una scala di 100. La posizione scende ulteriormente nelle prestazioni per la risposta rapida e le politiche di mitigazione di un’epidemia. Particolarmente critica è stata giudicata la “Comunicazione con gli operatori sanitari durante un’emergenza”. Nonostante sia stato creata creata la Cross (Centrale Remota Operazioni Soccorso Sanitario), non sembra previsto un sistema specifico di comunicazione tra il personale sanitario. Il nostro Paese ha ricevuto uno zero per l’indicatore “Risposta operativa alle emergenze”: «Il centro operativo primario per le emergenze in Italia – si legge nel report – non è indirizzato alle pandemie». Secondo lo studio il Dipartimento della Protezione civile non avrebbe una preparazione specifica

La Stampa

La Stampa, documenti alla mano, racconta come l’Italia si sia trovata impreparata alla nuova pandemia, nonostante le raccomandazioni dell’OMS. Non è un problrma di questo governo, ma dei governi degli ultimi 10 anni (o forse 14). Il fatto che altri paesi siano stati colti impreparati non ci solleva per nulla.

Categorie
Vivi meglio

Indovina perché la farina scarseggia?

Dall’8 Marzo, giorno dell’annuncio del blocco, causa contenimento Coronavirus, per la Lombardia e una dozzina di province, compresa quella al confine con la mia (Ancona e Pesaro-Urbino), sono andato a far spesa 4 volte e solo l’ultima volta, giovedì scorso, ho trovato un po’ di farina disponibile, ma niente lievito per dolci ahime. Possibile che tutti stiano a panificare? 3 diverse amiche mi hanno confermato, al telefono, che stavano sfornando pizza e altro come non facevano da tempo, poi oggi, a conferma, mi sono imbattuto in Paolo Giordano sul Financial Times:

Categorie
Esperienze

Il tasso di mortalità da Coronavirus che non torna: confronto Italia, Spagna, Cina e Corea del Sud

El Diario, giornale spagnolo, pubblica un efficace grafico sul tasso di mortalità da Coronavirus per fasce d’età, mettendo a confronto Spagna, Italia, Cina e Corea del Sud.

Categorie
Esperienze

Italia e Regno Unito a confronto per la strategia sul Coronavirus

Italy was caught off guard, but rapidly imposed strict measures to attempt to contain the spread of the virus. The UK was not caught off guard, with the advantage of lessons from Italy as well as Asia, but still dithered, delayed and increased the number of avoidable deaths through temporary pursuit of a herd immunity policy, finally following Italy’s stricter model at least two weeks too late. The government bears great moral responsibility for its failure to develop clear policy and implement it swiftly. Italy did the right thing, though probably in the wrong way, while the UK was forewarned but not forearmed due to lack of a clearly thought through policy. If the lesson from Italy is “be vigilant”, the lesson from the UK is “be logical” – but only by being both can governments respond effectively to this crisis.

Dal blog sull’etica nella medicina del British Medical Journal