Flash News
  • World inequality report 2018:… Per caso ho scoperto un report che tutti dovremmo leggere: World inequality report 2018. In poche pagine, basta guardare qualche grafico e improvvisamente il disagio…
  • Il culto della tecnologia… Sono quasi diventato intollerante alle conversazioni in cui l'oggetto è il culto della tecnologia. Discussioni sul nulla. In genere gli eventi di lancio di nuovi…
  • Lavoratori sfruttati nella fabbrica… Niente di nuovo verrebbe da dire, purtroppo. Ieri il Guardian pubblica l'ennesima inchiesta dove emerge che la produzione cinese di tecnologia non rispetta neanche le…
  • Come rompere la dipendenza… Ieri ho acceso la televisione per la prima volta da circa 6 settimane. Ho collegato il computer e ho visto l'ultima puntata di una serie…
  • Gli autunnali: storia della… Spesso si ignora quale e quanto lavoro ci sia dietro la copertina di un libro. Qui Luca Ricci racconta la genesi della copertina del suo…
Facebook Twitter Linkedin

Gli editori italiani perdono pubblicità sul digitale

pubblicità online assointernet

I dati di maggio 2016 confermano (e aggravano) una tendenza ormai in atto da tempo: la pubblicità su internet non cresce più, anzi, scende. Possibile? Possibile perché il perimetro rilevato da FCP-Assointernet comprende le concessionarie di pubblicità dei portali italiani (Yahoo! incluso) e degli editori (tradizionali e solo online, almeno una buona parte), ma non comprende Google, Facebook, Twitter, Spotify.

Ciò che è accaduto nei primi 5 mesi dell’anno è un leggero arretramento complessivo e un piccolo drenaggio dal web al mobile.  Continuano a essere rilevati separatamente smart tv e tablet, ma sono bruscolini. 500.000 € la pubblicità sulle smart tv italiane in 5 mesi: cifre ridicole solo a dirle!

La verità, che nessuno conosce esattamente, è che Google e Facebook stanno progressivamente conquistando quote di mercato e nuovi investimenti. Capito perché tutti i giornali italiani e tutti i portali hanno raccolto meno di 15 milioni di € in 5 mesi sul mobile? Google AdWords (e AdSense) non ha rivali e Facebook Ads sta risucchiando i budget dei banner pubblicitari. Il resto è qualche editore che va meglio, a spese di qualche altro che va peggio, ma la torta degli editori è sempre più piccola, anche in valore assoluto.

Gli investimenti pubblicitari online in Italia a maggio 2016

Internet in Italia non cresce più

banda larga

A leggere i dati Audiweb di febbraio 2016 è evidente come la crescita di internet in Italia si sia ormai arrestata. In un anno i navigatori nel giorno medio sono cresciuti dello 0,5% e nel corso del mese dello 0,2%, per un totale rispettivamente di circa 22 milioni e 28,5 milioni.

Questa la tabella di febbraio 2016:

audiweb

Il mobile continua a crescere e conquistare quote di traffico a scapito del pc, soprattutto per gli under 34. Notevole inoltre come le donne si colleghino circa 30 minuti al giorno più degli uomini dal proprio smartphone.

donne internet

A leggere questi dati sembra che circa metà degli italiani (se escludiamo i minori, meno della metà) viva benissimo senza internet. Solo il 35,4% degli italiani residente nel sud e nelle isole si collega in media una volta al giorno e nel Nord Ovest arriviamo al 41,9%. Se consideriamo febbraio un mese invernale, non abbiamo neanche la scusa delle condizioni climatiche.

Nonostante tante chiacchiere, chi non si collega a internet continua a non collegarsi. Il divario digitale, da intendere più in senso culturale che infrastrutturale, continua a crescere e non si vedono politiche all’orizzonte per invertire questa tendenza.

Gli investimenti di ENEL per aumentare la copertura della banda ultralarga sono meritori, ma non investono un centesimo nell’alfabetizzazione digitale, quindi sono destinati ad avere un impatto prossimo allo zero su queste cifre. Chi si connette già, sarà felice e si connetterà più velocemente. Chi non si connette oggi, non ha ragione per connettersi domani, anche con 100 Megabit al secondo di banda.

Quando cominceremo a fare qualcosa in questo senso?

I numeri dell’Italia su Internet Trends 2015

L’appuntamento con gli internet trend dell’anno di Mary Meeker è da non perdere: quasi 200 slide con tutti i dati aggiornati che devi sapere sull’evoluzione della rete nel mondo oggi. Te la lascio meditare e aggiungo solo qualche considerazione sulle slide finali, le uniche dove appare l’Italia.

L’Italia appare nell’appendice dove vengono proposti alcuni dati sulla penetrazione di internet nel mondo. L’Italia fa capolino nella top 15 dei paesi con la penetrazione di internet superiore al 45% e il più alto numero di utenti in valore assoluto. La fonte dice che gli Italiani connessi sono 36 milioni, 6 e rotti in più di quanto sostenga Audiweb/Nielsen. Sufficienti a farci raggiungere il 13esimo posto e il 58%, che è quasi in linea con la media dei top 15 al 59%. Da notare come perdiamo colpi, la crescita sia piatta e l’Iran ci supera in percentuale al 60%.

internet

Una volta eravamo fieri del primato mobile del nostro paese, ora nell’era degli smartphone questo primato lo abbiamo perso da un pezzo. Non siamo nella slide dei paesi leader con la penetrazione di smartphone superiore al 45%, ma appariamo nella slide successiva, sotto o uguale il 45% (Italia al 45%) ma con un alto numero assoluto di utenti, 28 milioni.

smartphone

Tutte le slide sono da vedere e ti raccomando di prenderti una mezz’ora e farci un giro.

Internet trends 2015