Categorie
Media & Social media

La miseria dei social media

Una meta analisi di 124 studi sugli effetti dei social media sul benessere mentale ha trovato un nesso correlazione. Più li usi, più cala la salute mentale.

Vedo già in ultima fila una mano alzata e qualcuno che dice che correlation is not causation e che chi usa di più i social media potrebbe essere già depresso. Ai posteri l’ardua sentenza.

Categorie
Media & Social media

Il (falso) mito dei nativi digitali

Semmai avessi bisogno di una ulteriore conferma, non esiste né il mito dei nativi digitali, né quello del multitasking. Se non credi a me, credi a Nature.

Categorie
Vivi meglio

Il 29% degli Italiani è dipendente dalla tecnologia e lo riconosce

Gfk ha svolto una indagine globale sulla dipendenza da tecnologia, chiedendo a un campione di 22.000 utenti internet di valutare la propria dipendenza dalla tecnologia. Gli Italiani si valutano tra i più dipendenti in Europa, secondi a Cina, Brasile, Argentina, Messico e USA.

Categorie
Web & Tech

Qual è lo stato di salute di Internet?

internet

Come sta Internet? La domanda se l’è posta la Fondazione Mozilla, cercando di determinare lo stato di salute di Internet secondo cinque parametri.

Categorie
Lavora meglio Web & Tech

L’evoluzione di internet mobile su scala globale

mobile

Altamente raccomandato il report Movr (PDF) con tantissimi dati sull’evoluzione di internet mobile in Europa e nel mondo.

Scoperto grazie alla newsletter di Scott Monty.

Categorie
Vivi meglio

Non si vive di solo PIL: BES – Benessere Equo e Sostenibile

Il rapporto sul Benessere equo e sostenibile pone l’Italia all’avanguardia nel panorama internazionale in tema di sviluppo di indicatori sullo stato di salute di un Paese che vadano oltre il Pil.

Da leggere

BES 2014

Categorie
Vivi meglio

Il Messico, questo sconosciuto

Messico

Il bello del mio lavoro per Simplicissimus Book Farm, sviluppo internazionale del business, è il contatto con realtà internazionale, che stimolano riflessioni e approfondimenti sugli aspetti sociali, culturali ed economici. Sul Brasile ho fatto numerosi approfondimenti e ti ho già consigliato un libro. Sul Messico, mia prossima meta, li sto facendo e mi sono imbattuto in questo bel report, aggiornato a un anno fa.

Se non ha voglia di leggere il report, un sito ne sintetizza i dati principali, attingendo dalle infografiche del report, tipo:

scuola

Categorie
Lavora meglio Media & Social media

Dove va l’informazione online in Italia?

Human Highway ha pubblicato un nuova ricerca per Liquida sull’evoluzione dell’informazione online in Italia. La ricerca è suddivisa in due parti. Nella prima si torna a interrogare il navigatore italiano che si informa online sulle sue abitudini. Notare come il web diventi sempre più importante e salga nelle priorità di chi si informa, a scapito dei giornali e della tv. Si comincia anche a pagare per l’informazione online, fenomeno tutto da seguire.

Scenario dell'informazione online di attualità from Human Highway

La seconda parte ha altri aspetti interessanti, perché va a mostrare come le principali testate online, tradizionali e nate sul web, vengono percepite dai lettori navigatori. Si vede come i lettori delle edizioni online dei giornali apprezzino le firme e mostrino un certo conservatorismo che non fa ben sperare per le piccole testate, distanti anni luce in termini di traffico e di notorietà. Chi le apprezza però ha un alto tasso di fidelizzazione e le vede come il nuovo che avanza. Due pubblici evidentemente poco sovrapposti. Sarà interessante vedere anche in questo ambito come cambieranno e se cambieranno nei prossimi mesi e anni i rapporti di forza e il percepito.

La fisionomia delle testate online di attualità from Human Highway