Categorie
Media & Social media

Gli efficienti compleanni su Facebook

Il problema dell’efficienza dei social network. Un esempio:

I used to call people to wish them a happy birthday. Now Facebook efficiently reminds me whose birthday it is today so I can write on their wall. This seems nice, efficient. But I’m not speaking with them, my wishes become just another post to “like” on their wall.

Come non essere d’accordo?

Categorie
Esperienze

I miei social network – Ed. 2019

Nel fare pulizia nell’archivio di questo blog, mi imbatto in un innocente post con i miei social network, edizione 2017. Oltre alla tenerezza di vedere che all’epoca consideravo Skype un social network, degli altri 10 che usavo, oggi ne restano vivi 5: LinkedIn, Last.fm, Twitter, Couchsurfing e Flickr.

Se dovessi scrivere lo stesso post oggi, cosa considerei?

Twitter: resta attivo, ma in modo molto marginale rispetto al passato. Non lo consulto più per informarmi, se non saltuariamente. Non pubblico più contenuti originali, se non per rispondere a qualche commento. Twitter non mi dà più le soddisfazioni di un tempo perché la conversazione langue. Se non parli di politica o di temi frivoli o di televisione, la tua visibilità è bassissima. Dei 51.000 follower che mantengo, quelli attivi sono una esigua minoranza. Un tweet raramente arriva a 1.000 visualizzazione e quelli che cliccano i link proposti sono un mero 1-2%. Gli altri scorrono e vanno. Inutile.

LinkedIn: ho un profilo con 5.000 collegamenti. Non pubblico contenuti originali. Non credo ne valga la pena. Ho un libro in uscita su LinkedIn e probabile provi a resuscitare il profilo per qualche esperimento per il mio nuovo lavoro. Per ora è dormiente o quasi.

Couchsurfing: nel 2018 mi ha dato moltissime soddisfazioni. Lo uso per viaggiare, ospitare ed essere ospitato. Continuerò a usarlo.

Fine. In questa lista non ci sono più F., Instagram, Snapchat, Tumblr, Flickr (è un deserto), Google+ (estinto), Pinterest (disattivato), Ello (bello, ma inutile).

Cosa c’è all’orizzonte? Praticamente nulla. I monopolisti della rete hanno fatto terra bruciato intorno a se, a eccezione di Russia e Cina dove dominano ancora campioni locali protetti, che però non sono riuscit a vivere fuori dai propri confini (qualcuno usa WeChat in Italia?). Non considero telegram, WhatsApp e similari social network, ma sistemi di messaggistica, che è altra cosa.

Tutto sommato però è meglio così. Meno tempo perso dietro contenuti effimeri e più tempo per riflettere, leggere in verticale e concentrare l’attenzione su cinema, film e relazioni personali faccia a faccia. C’è vita fuori dal social web. Amen.

Categorie
Vivi meglio

Hibye, il social network di prossimità per attività faccia a faccia

Interessante il concept di Hibye, nuova app social pensata per mettere in contatto persone vicine a te con interessi o esigenze comuni. Un modo per unire il virtuale al reale. Hibye sintetizza il modo in cui è possibile attivare o respingere una richiesta di contatto, premendo sul bottone Hi o su quello Bye. Il video a seguire lo racconta in meno di due minuti.

Segue la presentazione che ho ricevuto per email, con i link per il download dell’app:

Hibye è un social davvero rivoluzionario: consente infatti la comunicazione “orizzontale” tra utenti in tempo reale, in tutta sicurezza (l’app è geolocalizzata, posso decidere se essere connesso oppure no, ho la possibilità di bloccare immediatamente eventuali utenti scortesi o indesiderati).

Hibye permette di parlare dal vivo con le persone per risolvere non solo le piccole esigenze della quotidianità (condividere un taxi o un caffè) ma anche sviluppare il proprio business e network professionale.

E’ possibile scaricare gratuitamente l’app dall’Apple Store http://apple.co/2uAlQ4S e da Google Play http://bit.ly/2ureobT.

Categorie
Media & Social media

Intervista a Cristiano Carriero sul suo nuovo Facebook marketing

la parola a Cristiano Carriero
In occasione dell’uscita di Facebook Marketing For Dummies, ho posto a Cristiano Carriero, autore del volume insieme al sottoscritto, alcune domande.
Categorie
Web & Tech

Instagram per il business mostra le prime crepe

Instagram ha superato 500 milioni di profili attivi ma la pressione della pubblicità e dei brand è tale che i sintomi di disaffezione aumentano. Fast Company ha raccolto alcune opinioni che, se sono rondini che non fanno primavera forse, un campanello d’allarme lo suonano. I profili influencer che si fanno pagare per promuovere soggetti terzi cominciano a non essere più appetibili come un tempo e Snapchat aumenta la presa sul pubblico più giovane, che non pubblica immagini su Instagram con lo stesso ritmo di una volta.

snapchat

Una cosa è certa: il volume di contenuti su Instagram è tale e tanto, che l’avvento dell’algoritmo, che pesa ciò che più è potenzialmente interessante per l’utente, apre la via alla necessità di spingere con la promozione a pagamento per mantenere visibilità. Ritorniamo al discorso delle uova e dei panieri fatto con Facebook: azienda, se ci vuoi essere, apri il borsellino e paga.

Snapchat, non in Italia, continua a dare a Instagram filo da torcere. Gli utenti partecipano con minore inibizione e spostano parte del proprio tempo su questa piattaforma. Troppo presto però per il business per cantare vittoria e saltare sul nuovo carro di tendenza, perché di strumenti per il business al momento non ce ne sono e le uniche innovazioni vengono sul panorama pubblicitario. Dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, che prima vengono gli utenti, poi gli inserzionisti e solo terze le aziende.

Snapchat cresce più di Instagram

Instagram e il business

Categorie
Web & Tech

Il primo cliente di Facebook è l’utente. Le aziende e gli editori arrivano terzi, dopo gli inserzionisti

Facebook ha per la prima volta reso esplicito come il suo cliente principale resti l’utente e la sua esperienza. In un post, ripreso con allarme da diversi giornali, Facebook ha messo nero su bianco che il suo servizio è nato per facilitare le relazioni tra l’utente, i suoi amici e la sua famiglia. Punto. Tutto il resto, editori e aziende, è secondario. Mi meraviglio dello shock degli editori, che solo ora si rendono pienamente conto di quanto sopra, dopo aver cavalcato Facebook fino a farlo diventare la modalità principale con cui attrarre i propri lettori. Da domani sarà sempre più difficile.

facebook business

Categorie
Web & Tech

LinkedIn getta la spugna e si vende a Microsoft

Microsoft ha annunciato oggi che entro l’anno completerà l’acquisizione di LinkedIn, pagandola in contanti 196 $ ad azione, per un controvalore di 26,2 miliardi di dollari (23,3 miliardi € al cambio di oggi).  Un bel premio rispetto ai 131 $ della chiusura di venerdì (+49,6%), ma il 5% in meno di quello che valeva LinkedIn soltanto a inizio febbraio scorso e il 23% in meno di quanto il mercato valutasse LinkedIn nel novembre 2015.

linkedin microsoft

Una sconfitta per LinkedIn

Il 5 febbraio 2016, dopo la presentazione della trimestrale di LinkedIn, scrissi un post dal titolo “La fine di Twitter e di LinkedIn così come li conosciamo“. Nel post scrivevo:

Quando il titolo va male e la società è vista in declino per lungo tempo, arrivano gli avvoltoi, che chiedono a chi gestisce la società di venderla al miglior offerente, per spuntare qualche soldo in più per un investimento che non è visto più promettente dai suoi stessi azionisti di maggioranza. Cosa succede in questi casi? La società viene acquisita da qualcuno con tanto contante pronto da spendere o con azioni che valgono tanto e che possono essere scambiate facilmente.

Dal capitombolo di inizio febbraio LinkedIn non si è più ripreso e il consiglio di amministrazione non ha potuto resistere all’offerta tutta in contanti di Microsoft. Rispetto ad acquisizioni simili, in questo caso non c’è carta scambiata, niente azioni Microsoft in cambio di quelle LinkedIn. In pratica significa che i vecchi azionisti di controllo hanno deciso di prendere i soldi e andarsene. Certo, l’amministratore di LinkedIn resta, probabilmente con il rinnovo di un accordo multimilionario in premi azionari, ma chi ha investito in LinkedIn ha capito che non c’è più grande margine di crescita nei prossimi trimestri e che il titolo non avrebbe avuto crescere conseguentemente in borsa. Meglio incassare e pensare ad altro.

Categorie
Web & Tech

Video e ricerca: Facebook in collisione con Google

facebook 10 years

Se ci fosse ancora qualche dubbio, Mark Zuckerberg stasera l’ha tolto: Facebook non intende lasciare alcuno spazio libero e il prossimo obiettivo è combattere Google sul proprio terreno.

Guarda caso, insieme a Gruppi, WhatsApp, Instagram, Messenger, sulla mappa di sviluppo di Facebook per i prossimi anni appaiono due altre icone: video e ricerca. Sul video le carte sono già sul tavolo: dopo aver incentivato in tutti i modi la pubblicazione di video sulla piattaforma, aver imposto nuove metriche di valutazione, il momento è ora quello del live. Per quanto presto YouTube possa lanciare una applicazione o un servizio per facilitare il video in diretta da mobile sulla propria piattaforma, sarà comunque tardi. Come sia possibile che YouTube abbia perso il treno dello streaming da mobile, lasciandolo prima a Meerkat e Periscopo e oggi a Facebook, è difficile comprenderlo.

La prossima minaccia andrebbe a colpire il cuore di Google: il motore di ricerca. Non sarà facile, non sarà immediato, ma Facebook ha deciso dove investire e chi colpire. Google, da parte sua, non è mai stato forte come ora sul piano finanziario: il titolo viaggia sui massimi storici a 514 miliardi di dollari di capitalizzazione in questo momento. Facebook capitalizza 310 miliardi di dollari. Il guanto di sfida è stato appena lanciato.

In ogni caso Google non è l’unico nel mirino. Tra gli annunci minori, Facebook ha appena lanciato la possibilità di salvare qualsiasi articolo su cui stiamo navigando nel web con un bottone apposito. Guarda caso è la stessa funzione che ha fatto la fortuna di Pocket.