Flash News
  • Siamo persone complesse Maybe if we all gave each other the space to be complex people — not reduced to public perception, our professional bios, our LinkedIn profiles,…
  • Lettere ed email Azzeccata riflessione sull'uso dell'email oggi. Revving the Treadmill of Life https://www.jamierubin.net/2019/01/16/revving-the-treadmill-of-life/
  • Burning, ti brucia dentro L'osanna della critica internazionale a Burning è strameritato. Un film eccezionale. Venduto in 100 paesi a Cannes, chissà se e quando uscirà in Italia. Se…
  • Il bias politico dei… Magari c'è qualcuno che ha fatto uno studio simile per l'Italia? via
  • Nuovo Twitter desktop? Sembra che Twitter stia sperimentando una grafica semplificata, a due colonne. Quanto è diffuso l'esperimento? Apprezzabile.
Facebook Twitter Linkedin

Crowdbooster, per dare il meglio su Twitter e 100 inviti

Crowdbooster è un ottimo servizio per monitorare le proprie attività su Twitter. Si possono gestire fino a tre profili (tra cui Facebook) gratuitamente e poi altri servizi sono premium. Il servizio gratuito consente diverse attività molto molto ghiotte.

Sulla stima di quanti follower ha chi fa un retweet di un messaggio, Crowdbooster stima il pubblico potenzialmente raggiunto per ogni messaggio. Nel grafico che vedi sotto si può vedere per ogni tweet quanti retweet e il pubblico raggiunto, così da farsi una idea degli argomenti twittati che hanno riscosso più interesse nell’arco di una settimana, un mese o da sempre.


Clicca per ingrandire

Altre schede consentono di ordinare chi ha retweetato di più i tuoi tweet e chi tra questi ha più follower. Crowdbooster suggerisce anche gli utenti più influenti (secondo Klout) che ti hanno aggiunto, così da ricambiare.

Con questo link puoi iscriverti, nonostante al momento le iscrizioni non siano aperte a tutti

100 inviti per i più veloci.

Twitter e le rivoluzioni

Giovanna Loccatelli ha scritto un libro che, una volta tanto senza attendere traduzioni dall’estero, racconta quasi in presa diretta ciò che è successo nel Nord Africa anche grazie a Twitter, Facebook e i blog. Mi riferisco a quella che viene comunemente definita primavera araba e che vuole raccogliere gli abbattimenti di regime in Tunisia, in Egitto e quanto è ancora in corso in Libia, in Siria, in Bahrein.

Un racconto che fa il paio con l’ebook 70 Km dall’Italia, dove si racconta quanto successo in Tunisia. A differenza di quest’ultimo, Twitter e le rivoluzioni si allarga anche all’Egitto e a quanto successo dopo, con qualche ghiotta intervista ai protagonisti, agganciati via Twitter e a qualche scettico, come Eugeny Morozov, autore di The Net Delusion.

Il libro offre una chiave di lettura che amplia quanto senz’altro appreso da tv e giornali, aprendo una finestra a chi non usa o non conosce Twitter. Per chi invece ha già familiarità con i social network, offre qualche ulteriore spunto di riflessione e di approfondimento di un fenomeno nel quale siamo immersi tutti i giorni.

Si legge tranquillamente a computer spento sotto l’ombrellone e vale la pena prenderlo ora al -40% di Amazon, prima dell’entrata in vigore della legge ammazza sconto!

Twitter e le rivoluzioni