Skip to content →

Categoria: Media & Social media

Licorice pizza e il giornalismo del nulla

Non mi diverte più l’esercizio di prendere in castagna i giornali e i giornalisti, ma con Licorice pizza faccio un’eccezione. Sono un cinefilo di prima categoria, vado spesso al cinema, amo il cinema d’autore e Paul Thomas Anderson. Fatta questa premessa, ho già visto Licorice pizza, che esce al cinema in Italia domani. Non mi è piaciuto, nonostante la critica che lo piazza all’11esimo miglior film dell’anno e le 3 nomination all’Oscar 2022 che rischiano di trasformarsi in statuetta.

Per capire cosa ci hanno visto gli altri che non ci ho visto io, sono caduto in due articoli, uno uscito su Robinson di Repubblica e uno su Domani.

Domani del 16 Marzo

L’articolo su Domani di oggi occupa una pagina intera ed è una recensione. Una recensione entusiasta che non dice nulla. Come il film. Il pregio del film sarebbe il fatto di essere molto vero e … Continua a leggere

Comments closed

L’abbaglio dell’informazione “in real-time per il grande pubblico”

Dopo la vendita dell’Espresso, l’AD del gruppo GEDI ha incontrato il Cdr del gruppo. Tra le rassicurazioni e le affermazioni varie, ce n’è una che mi ha colpito:

Il gruppo si concentra dunque sull’informazione “in real time per il grande pubblico”, veloce, al passo con i tempi, moderna, digitale, interattiva sfruttando tutte le possibilità tecnologiche (testo, audio, video…).

Dopo i podcast (“iniziativa di successo perché dopo un mese dal lancio siamo già primi in Italia”), si continuerà con lo sviluppo degli hub verticali (utenti e pubblicità premiano la specializzazione ed, apprezzano qualità e ritmo di questi prodotti) ed il rinnovo delle dotazioni tecnologiche (con relativi corsi di formazione).

Primaonline

Se questa è la strategia del gruppo GEDI nel 2022 per sopravvivere nel mercato dell’editoria, be’, non vedo un grande futuro per il gruppo.

Il real-time per il grande pubblico è già altrove

L’idea di fare concorrenza alle tv all-news … Continua a leggere

2 Comments

La memetica dell’Uomo vuoto

Raramente, ma capita. Una delle tue fonti preferiche ti parla di un film che non hai mai sentito e insiste che tu lo veda. A distanza di tempo riappare nel radar e ti ricordi! Lo devi vedere. Così è stato per me per The Empty Man (L’uomo vuoto su Disney+), segnalato mesi e mesi fa da Chris Stuckman, che seguo su YouTube.

L’horror non è il mio genere preferito, ma se è più psicologico che visivo sale velocemente in testa alla coda di visione. Un vero cinefilo, per me, valuta l’originalità e la qualità, al di là dei generi, anzi. I film a cavallo dei generi o difficilmente classificabili sono quelli ancora più interessanti, perché chiaramente più originali. In genere Hollywood non produce più questi film, a meno che non abbiano un budget sotto i 5 milioni di dollari: il rischio che falliscano è altissimo, soprattutto se si … Continua a leggere

One Comment

L’inizio del declino di Facebook?

Il Washington Post, storicamente legato a Facebook in vari modi, è stato pronto a notare come il numero degli utenti medi quotidiani del social network (non del gruppo, Meta) sia per la prima volta in calo, confrontando l’ultimo trimestre col precedente.

Dati finanziari Q4-20 di Meta

A guardare bene i dati divisi per area geografica, notiamo che US & Canada non crescono più ormai da quasi 2 anni e che l’Europa è ferma da 9 mesi.

Hai capito adesso perché qualche mese fa Zuck ha cambiato il nome al gruppo da FACEBOOK a Meta?

I mercati finanziari (-25% del titolo in borsa alla comunicazione dei dati del quarto trimestre 2021) guardano alle prospettive e al momento percepiscono che col metaverso non si gaudagna e chissà se si guadagnerà. La gallina dalle uova d’oro invece non cresce più, anzi. Se il 62% degli utenti Apple ha scelto di non autorizzare … Continua a leggere

Comments closed

La dieta informativa di Luca Conti – Ed. Gennaio 2022

5 anni fa mi divertivo a rispondere ad alcune domande per definire la mia dieta informativa. A distanza di 5 anni esatti voglio rispondere alle stesse domande e vedere cosa è cambiato.

Quali sono le prime informazioni di cui ti nutri al mattino appena sveglio?

Oggi non riesco a non controllare i numeri relativi all’andamento dei vaccini in Italia, nelle 24 ore precedenti, e dei contagi nel mondo. Per avere un’idea di dove siamo arrivati, pensando che queste informazioni mi permettono di sentirmi in controllo di ciò che succede. Ovviamente non è così, perché è difficile fare previsioni, ma non riesco a resistere. Spesso guardo anche gli incassi del box office italiano del giorno prima. Per il resto nulla. Forse qualche volta le prime pagine dei giornali italiani attraverso Telegram, ma sto cercando di smettere.

Leggi, guardi, ascolti notizie mentre fai colazione?

No, ormai privilegio audiolibri o libri, se non … Continua a leggere

Comments closed