Skip to content →

Tag: business

Le difficoltà dei monopolisti digitali

The reality is that technology has an amplification effect on business models: it has raised the Internet giants to unprecedented heights, and their positions in their relevant markets — or, more accurately, value chains — are nearly impregnable. At the same time, I suspect their ability to extend out horizontally into entirely different ways of doing business — new value chains — even if those businesses rely on similar technology, are more limited than they appear.

Ben Thompson analizza in maniera esemplare perché Amazon, Google, Microsoft sono bravi a fare qualcosa, ma non altrettanto bravi a competere in servizi complementari. Assolutamente da leggere.

The Value Chain Constraint https://stratechery.com/2019/the-value-chain-constraint/Continua a leggere

Comments closed

Instagram per il business mostra le prime crepe

Instagram ha superato 500 milioni di profili attivi ma la pressione della pubblicità e dei brand è tale che i sintomi di disaffezione aumentano. Fast Company ha raccolto alcune opinioni che, se sono rondini che non fanno primavera forse, un campanello d’allarme lo suonano. I profili influencer che si fanno pagare per promuovere soggetti terzi cominciano a non essere più appetibili come un tempo e Snapchat aumenta la presa sul pubblico più giovane, che non pubblica immagini su Instagram con lo stesso ritmo di una volta.

snapchat

Una cosa è certa: il volume di contenuti su Instagram è tale e tanto, che l’avvento dell’algoritmo, che pesa ciò che più è potenzialmente interessante per l’utente, apre la via alla necessità di spingere con la promozione a pagamento per mantenere visibilità. Ritorniamo al discorso delle uova e dei panieri fatto con Facebook: azienda, se ci vuoi essere, apri il Continua a leggere

One Comment

Fineco, la gamification arriva in banca

Piano piano, argomenti di cui si parla da tempo su questi spazi, diventano di massa. Ricordi il termine gamification, con il quale si intende l’introduzione di elementi di gioco all’interno di servizi, per incrementarne e incentivarne l’uso?

badge fineco

Ebbene, Fineco ha appena avviato un sistema di badge (quelli che vedi sopra), attribuiti al profilo dell’utente/cliente che conosce e utilizza tutti i servizi del proprio conto corrente.

Sotto invece l’email inviata ai clienti dove viene promosso il nuovo profilo utente.

fineco gamificationContinua a leggere

Comments closed

[esclusivo] Brian Solis sul futuro del business

business

Nei giorni scorsi ho avuto il piacere di intervistare Brian Solis a proposito del suo nuovo libro da poco uscito tradotto in italiano da Hoepli: Qual è il futuro del business? Utile lettura, che spero possa invogliarti a leggere tutto il libro, certamente stimolante.

Disruptive technology

What would You suggest to a family medium business like hundreds or thousands in Italy? How could they embrace this positive change? Where should they start from?

Disruptive technology is just that…it’s disruptive. Every so often, something new comes around and completely upsets the balance. Now, innovation is part of our society and it’s only accelerating. The key to success is to simply accept that this is the end of business as usual. The way that things were done only evolve to accommodate the expectations and preferences of evolved customers and employees. And, that’s where we begin. We need to understand what’s changing so … Continua a leggere

Comments closed

#ijf13 /3 LinkedIn per giornalisti e non solo

Nel pomeriggio della prima giornata del Festival del giornalismo sono riuscito a seguire soltanto due presentazioni, perdendomi la conversazione sui social media in mezzo: ricarica batteria portatile e ricarica mentale.

Prima presentazione con LinkedIn per giornalista con il responsabile italiano di LinkedIn a dare consigli in prima persona. Tra gli appunti presi, non pubblicati in tempo reale causa connessione internet ballerina:

2 milioni di aziende da 170 paesi, 200 milioni di utenti nel mondo, 4 milioni di utenti in Italia, ben rappresentati IT e farmaceutico.

Profilo personale, consigli: foto (profili visti 7 volte di più rispetto ai senza foto), esperienze compresi gli interessi personali e volontariato, lingue parlate, skill (competenze)

Parole più utilizzate da usare meno: responsabile, specializzato, capacità organizzative, problem solving, creativo, multinazionale.

Raccomandazione in Italiano non è usato perché suona male. Si usa il termine segnalazione
Quanti contatti avere? 300 è un numero giusto: persone che conosco, con … Continua a leggere

Comments closed