Skip to content →

Tag: USA

Indovina perché la farina scarseggia?

Dall’8 Marzo, giorno dell’annuncio del blocco, causa contenimento Coronavirus, per la Lombardia e una dozzina di province, compresa quella al confine con la mia (Ancona e Pesaro-Urbino), sono andato a far spesa 4 volte e solo l’ultima volta, giovedì scorso, ho trovato un po’ di farina disponibile, ma niente lievito per dolci ahime. Possibile che tutti stiano a panificare? 3 diverse amiche mi hanno confermato, al telefono, che stavano sfornando pizza e altro come non facevano da tempo, poi oggi, a conferma, mi sono imbattuto in Paolo Giordano sul Financial Times:… Continua a leggere

Comments closed

Previsioni del picco di Coronavirus negli USA

L’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington ha realizzato una previsione dell’andamento del bisogno di letti in terapia intensiva e delle morti da coronavirus, negli USA e in ognuno degli stati che lo compongono, nel caso non si riesca a farne fronte. 41 stati non avrebbero abbastanza letti e 11 stati dovrebbero incrementare il numero di oltre il 50%.

Altro dato interessante è che l’emergenza si dichiara conclusa quando i morti scendono a meno di 10 al giorno e questo, a livello di Stati Uniti, è previsto per l’inizio di luglio.

New COVID-19 Forecasts: US Hospitals Could Be Overwhelmed in the Second Week of April by Demand for ICU Beds, and US Deaths Could Total 81,000 by July

I grafici del modello matematicoContinua a leggere

Comments closed

Il business del sistema carcerario (negli USA)

Sapevo che il carcere negli USA è un business, con i reclusi sfruttati per lavori pagati pochi centesimi di dollaro all’ora, ma non sapevo che anche i famigliari venissero munti il più possibile.

Since being asked to write this review, I’ve paid $53 to the telecommunications company Securus so that a friend incarcerated in New York could call me—a $3 activation fee in addition to a $50 deposit in his account for future collect calls—and $50 to JPay, a subsidiary of Securus that bills itself as “the most trusted name in corrections,” so that I could email with people incarcerated here in the Northwest. This money is on top of my regular acquisition of stamps and envelopes to maintain traditional forms of correspondence with incarcerated friends who do not have email access.

Continua a leggere Comments closed