Flash News
  • Siamo persone complesse Maybe if we all gave each other the space to be complex people — not reduced to public perception, our professional bios, our LinkedIn profiles,…
  • Lettere ed email Azzeccata riflessione sull'uso dell'email oggi. Revving the Treadmill of Life https://www.jamierubin.net/2019/01/16/revving-the-treadmill-of-life/
  • Burning, ti brucia dentro L'osanna della critica internazionale a Burning è strameritato. Un film eccezionale. Venduto in 100 paesi a Cannes, chissà se e quando uscirà in Italia. Se…
  • Il bias politico dei… Magari c'è qualcuno che ha fatto uno studio simile per l'Italia? via
  • Nuovo Twitter desktop? Sembra che Twitter stia sperimentando una grafica semplificata, a due colonne. Quanto è diffuso l'esperimento? Apprezzabile.
Facebook Twitter Linkedin

World inequality report 2018: chi ha poco ha sempre meno, chi ha tanto ha sempre di più

Per caso ho scoperto un report che tutti dovremmo leggere: World inequality report 2018.

In poche pagine, basta guardare qualche grafico e improvvisamente il disagio sociale che anima diverse parti del mondo diventa subito più chiaro. Leggere le statistiche della crescita (o non crescita) del PIL mondiale racconta solo una parte della storia. La vera storia è che la distribuzione della ricchezza ha invertito la rotta negli ultimi 30 anni, in gran parte del mondo.

disuguaglianze

Continue reading “World inequality report 2018: chi ha poco ha sempre meno, chi ha tanto ha sempre di più”

Giornalismo di qualità sul calo del petrolio, in 10 grafici di Bloomberg

Il giornalismo che amo è quello che presenta le notizie da nuove prospettive, usando in maniera intelligente internet e i numeri. Bloomberg è tra le fonti più avanzate in questo senso, insieme a Economist e Quartz. Non per nulla sulla newsletter del weekend di Quartz (iscriviti gratis!) ho trovato il link a una magnifica visualizzazione che aiuta a capire perché il prezzo del petrolio sia sceso ai mini da 5 anni.

Perché? Tra le varie ragioni c’è il calo del consumo negli USA, con una economia più efficiente, che usa più fonti rinnovabili, in cui le giovani generazioni guidano meno e usano di più i mezzi pubblici, oltre al fatto che gli USA producono direttamente più petrolio, fino a esportarlo!

Questo è giornalismo!

Bloomberg spiega il calo del prezzo del petrolio