Skip to content →

Categoria: Web & Tech

Apple non ha a cuore la tua privacy

Come volevasi dimostrare, Apple, il paladino della protezione dei dati personali degli utenti contro tutti (e contro Meta/Facebook), sta andando a occupare lo spazio tolto a Meta/Facebook con la propria pubblicità. Alla fine la protezione degli utenti è fumo negli occhi per nascondere una decisione per fare più soldi. Punto. Pensare il contrario è da ingenui.

Per questo ho sempre visto e continuo a vedere il culto dei brand e delle aziende come una versione peggiorata del culto delle religioni tradizionali. Fare l’evangelista di un brand è tempo sprecato, da qualsiasi punto di vista. Se proprio vuoi sentirti parte di un gruppo, almeno scegline uno dove hai un ritorno, se profit, o meglio ancora no profit. Fare volontariato per l’azienda più ricca del mondo non mi sembra proprio necessario.… Continua a leggere

4 Comments

Link (inutili ma) intelligenti

Trovati, messi da parte, ma poi che me ne faccio? Nulla. Considerando però la natura dei link in questione, li copio qua. Magari a qualcuno sono utili o interessano per qualche motivo. Magari ne nasce una sorta di rubrica…

Ce ne sono 15, tra siti web e articoli. La mia coda si è ora ridotta, ma resta molto, troppo lunga. Aspettati un altro post simile nei prossimi giorni.

Leggi tutto

La mappa dei nativi, in giro per il mondo

Uso originale delle mappe per mostrare culture e lingue native. Memoria e testimonianza.

https://native-land.ca/

Lo zoo in ordine alfabetico

Lo zoo è un concetto superato dalla storia. Non sei convinto? Guarda questa raccolta di immagini per pensarci su

https://zooindex.net/alphabet

Immigrati ributtati in mare

Una ricerca, un sito, pensati come supporto legale alle tragiche vicende di immigrati raccolti e buttati in mare, pur di non aver a che fare con loro. L’area … Continua a leggere

Comments closed

Te l’avevo detto…

Per anni ho inseguito ogni novità approdasse sul web e l’epoca era quella del social web. Per fortuna e per intuito ho finito per iscrivermi e puntare sul successo di Twitter, Facebook, Flickr, Skype, YouTube, Feedly, GoodReads, Evernote ma anche del.icio.us, tumblr, dopplr, friendfeed e altri servizi scomparsi. Venivo a conoscerli appena usciti – Skype dopo una settimana dal lancio, quando non lo conosceva letteralmente nessuno – li usavo e in qualche modo li promuovevo facendoli conoscere. Mi divertivo, avevo un servizio e ne traevo un beneficio anche in quanto divulgatore. Ottimo.

A un certo punto ho cambiato atteggiamento. C’è un nuovo fantastico servizio gratuito che mi risolve un problema? Fantastico, ottimo, ma prima di usarlo e dedicargli ore del mio tempo creando contenuti e trasferendo (a mano) dati personali ho deciso di attendere un po’. Soprattutto se il servizio andava a competere con qualche servizio più potente e affermato. … Continua a leggere

2 Comments

Il casinò degli app store

L’Economist ha fatto i compiti, ha consultato fonti diverse, e ha raccolti alcuni dati molto interessanti sulle fonti di ricavi e di profitti di Big Tech. Tra le tante perle dell’articolo, ce n’è una che mi ha compito di più: gli app store come casinò:

In Apple’s app store, for example, games account for 70% of all revenues, according to documents uncovered during the Epic court battle. Most of this comes from in-app purchases, such as wacky accessories for avatars or virtual currencies. In 2017, 6% of app-store game customers accounted for 88% of the store’s game sales. Those heavy users spent, on average, more than $750 each year.

The Epic trial also revealed that the top 1% of Apple gamers in terms of spending generated 64% of sales and splurged an average of $2,694 annually. Internally these super-spenders are known as “whales”, like their casino equivalents. An investigation

Continua a leggere Comments closed

F*ckr, ultimo atto

Quei simpaticoni di Flickr passeranno dalle parole ai fatti in 3 giorni, weekend incluso. Così mi hanno scritto poco fa:

Ciao pandemia, A partire dal 1º maggio 2022, Flickr inizierà ad applicare le modifiche annunciate che riguardano i nuovi limiti ai contenuti con restrizioni e soggetti a moderazione per gli account gratuiti. In breve: gli account gratuiti con contenuti soggetti a moderazione o restrizioni saranno considerati in violazione dei nostri termini di servizio e verranno rimossi. Gli utenti sorpresi a violare i termini di servizio dovranno abbonarsi a Flickr Pro o rimuovere i contenuti illeciti. Queste modifiche non impediranno di visualizzare o nascondere i contenuti soggetti a moderazione o restrizioni. Ulteriori informazioni sono contenute in questo video. I membri di Flickr con account gratuito che vogliono continuare a ospitare o caricare contenuti soggetti a moderazione o restrizioni dovranno abbonarsi a Flickr Pro entro il 1º maggio. – Il team di

Continua a leggere One Comment

L’impatto del cloud in termini di emissioni di CO2 e ambientali

white clouds
Photo by Magda Ehlers on Pexels.com

I nostri dati sparsi in giro per il cloud hanno un impatto crescente in termini di emissioni di CO2. A questo si aggiunge l’impatto ambientale sulle popolazioni che vivono nei pressi dei grandi datacenter, in termini di rumore e di mutamento del microclima. Come per le discariche e le centrali elettriche, pochi sono chiamati a pagare un prezzo per tutti gli altri.… Continua a leggere

4 Comments