Flash News
  • In cerca di ispirazione Questo spazio si prende una lunga pausa. Nelle prossime settimane cercherò di nuovo l'ispirazione tra paesaggi urbani, musei d'arte moderna e contemporanea, librerie e altri…
  • Come apparire intelligenti in… Questi sono solo alcuni consigli (ironici) su come apparire intelligenti durante una inutile riunione. 10 consigli per apparire intelligenti
  • La magia della scadenza… If you need the last minute to be your best self, first go manufacture some last minutes. Spesso ne avrei bisogno, tu? Seth Godin: If…
  • Scrivere in maniera inutilmente… Se invece vi rivolgete a un pubblico di persone che conoscono l’argomento di cui parlate, pensate che, se non sono sciocche, scopriranno il vostro bluff.…
  • Digital food marketing: consigli… Nicoletta Polliotto ha pubblicato un libro indispensabile per chi si occupa di ristorazione in Italia oggi: Digital food marketing, pubblicato dal mio editore Hoepli. Ho…
Facebook Twitter Linkedin

Il culto della tecnologia è una religione come le altre

religione

Sono quasi diventato intollerante alle conversazioni in cui l’oggetto è il culto della tecnologia. Discussioni sul nulla. In genere gli eventi di lancio di nuovi prodotti, da parte di Apple, Google, Amazon, Facebook, generano online un seguito da folle adoranti che la settimana dopo si mettono in fila per comprare il nuovo prodotto. Ne parlano come di un totem da adorare, dimenticando che l’azienda dietro al prodotto ha il solo scopo reale di fare (legittimamente) più soldi. L’evento non è altro che PR, fumo negli occhi, marketing per convincere a comprare e a sostituire l’ultima versione del prodotto che ancora funziona benissimo. Gli adepti, incapaci di comprendere il gioco o felici di aderire a un nuovo culto, spendono parole, energie, tempo per decantare le ultime meraviglie e aderire pubblicamente al culto. Continue reading “Il culto della tecnologia è una religione come le altre”

Ebbene sí, la iGeneration è tra noi

Athena ha trascorso gran parte dell’estate chiusa in camera da sola, attaccata al suo smartphone. «Piuttosto che stare con la mia famiglia, preferisco smanettare col cellulare e guardare Netflix. Non ho fatto altro per quasi tutte le vacanze. Ho passato piú tempo al telefono che con le persone vere». Quelli della sua generazione sono fatti cosí, dice. «Non sappiamo cosa sia la vita senza un iPad o un iPhone: non ci è stata data l’alternativa. A volte penso che vogliamo piú bene agli smartphone che alla gente vera».

Ebbene sí, la iGeneration è tra noi.

da Iperconnessi

La vita digitale dopo la morte è un’industria!

Di che fine fanno le nostre informazioni digitali quando non ci siamo più, è un tema che mi appassiona da tempo. Oggi per caso sono finito, da Twitter, su un articolo pubblicato sulla rivista Nature Human Behaviour dove si parla proprio di questo tema, in termini di etica della gestione dei dati. Dall’articolo ne ho trovato un altro citato, dove c’è un elenco lunghissimo di servizi che, in un modo o in un altro, si interessano della vita dopo la morte dei dati digitali. C’è anche un termine per definirli: digital afterlife industry (DAI). Continue reading “La vita digitale dopo la morte è un’industria!”