Flash News
  • World inequality report 2018:… Per caso ho scoperto un report che tutti dovremmo leggere: World inequality report 2018. In poche pagine, basta guardare qualche grafico e improvvisamente il disagio…
  • Il culto della tecnologia… Sono quasi diventato intollerante alle conversazioni in cui l'oggetto è il culto della tecnologia. Discussioni sul nulla. In genere gli eventi di lancio di nuovi…
  • Lavoratori sfruttati nella fabbrica… Niente di nuovo verrebbe da dire, purtroppo. Ieri il Guardian pubblica l'ennesima inchiesta dove emerge che la produzione cinese di tecnologia non rispetta neanche le…
  • Come rompere la dipendenza… Ieri ho acceso la televisione per la prima volta da circa 6 settimane. Ho collegato il computer e ho visto l'ultima puntata di una serie…
  • Gli autunnali: storia della… Spesso si ignora quale e quanto lavoro ci sia dietro la copertina di un libro. Qui Luca Ricci racconta la genesi della copertina del suo…
Facebook Twitter Linkedin

Imparare qualcosa di nuovo ogni giorno

Con questo proposito chiudo spesso la mia newsletter. Credo veramente che vivere degnamente comprenda imparare qualcosa di nuovo ogni giorno. Per il 2017 voglio prendere sul serio questo impegno con me stesso, tanto da scrivere un post al giorno (o quasi) con una segnalazione di un articolo, una risorsa, un servizio web, che mi ha permesso di imparare qualcosa, da condividere con te. Da quando ho aperto questo blog ho avuto questo spirito. Quando non lo avrò più, smetterò di bloggare. Continue reading “Imparare qualcosa di nuovo ogni giorno”

Lo streaming salverà la rete fissa

Quando ho tempo, cerco sempre di dare una occhiata alle slide pubblicate dalle società tecnologiche quotate, rivolte agli investitori, per carpire dati di mercato che altrimenti non vengono mai pubblicati. Di solito poi solo i giornalisti finanziari spulciano queste slide, quindi gli articoli che si trovano in giro parlano quasi soltanto dei dati di bilancio e di previsione, lasciando poco spazio a dati di mercato molto interessanti.

Dalla presentazione del piano industriale di Telecom Italia si evincono numeri ghiotti sull’evoluzione del traffico internet in Italia, fisso e mobile. Le tendenze non sono estendibili al mercato intero, ma considerando come Telecom Italia (TIM) sia uno degli attori principali, è facile immaginare come i dati siano veritieri, o forse perfino sottostimati se estesi al mercato Italia.

consumo.jpg

Prima cosa interessante: il volume dei dati consumati da linea fissa, nonostante l’aumento della banda larga mobile, nonostante il mantra diffuso per cui internet di domani è e sarà mobile, rappresenta il 95% di tutti i dati internet in Italia. Sarà interessante vedere come e se questa percentuale cambierà nei prossimi anni. Scommetterei che non sarà capace di scendere sotto il 90% prima di ancora molti anni: i dati mobili costano di più e la rete fissa sta velocemente passando alla fibra, con potenza di download n volte superiore.

consumo 2.jpg

Cosa fanno gli Italiani (clienti TIM dovrei dire) con internet? Lo streaming è l’attività preferita, probabilmente considerata video e musica. Da mobile si usano di più i social network (probabile che il dato fisso sia parzialmente incluso nella navigazione) soprattutto con le app. Da fisso c’è ancora una bella quota di peer to peer che scommetto salirà con la fibra, insieme allo streaming.

A proposito di streaming, TIM afferma che la sua offerta TIM Vision ha a fine 2015 530.000 clienti e in una slide successiva si stima il mercato attuale pari a 1 milione di abbonati allo streaming a pagamento.

tim vision.jpg

La presentazione integrale sul sito di Telecom Italia

Presentazioni efficaci: il corso definitivo è Presentation hero

La vita è troppo breve per passarla ad ascoltare presentazioni mediocri. Purtroppo succede spesso, soprattutto nel corso di eventi istituzionali. Slide a tutto testo neanche fosse una pagina di Word, relatore che legge le slide con le spalle al pubblico o che parla di un argomento come se tutti ne fossero già a conoscenza. Di errori se ne possono fare tanti, ma non per questo non si può migliorare.

Già un anno fa apprezzavo lo sforzo di Matteo Cassesevecchia conoscenza di questo blog – di migliorare il livello delle presentazioni (incluse le mie ovviamente), con molti consigli utili, pratici, intelligenti.

presentation hero

Oggi il suo invito a diventare un Presentation Hero è diventato un corso online (in inglese) completo, ben strutturato e ottimamente disegnato. Matteo ha messo in pratica per primo gli insegnamenti che offre e si vede. Puoi valutare tu stesso con la prima lezione del corso, gratuita, su come conoscere meglio il proprio pubblico e perché.

Il corso è diviso in tre sezioni: come strutturare una presentazione, come creare una presentazione e come proporla al pubblico. Ogni lezione comprende una spiegazione video di alcuni minuti, facile da digerire su base quotidiana, disponibile per essere scaricata e rivista, oppure come file audio da ascoltare come podcast o come slide o come trascrizione del testo. Il tutto è completato da link ad altre risorse di approfondimento e un test di comprensione a quiz. Da notare poi come ogni lezione sia commentabile e Matteo sia poi disponibile a interagire per dibattere i suoi insegnamenti.

Per farti una idea su come Presentation hero sia strutturato, ti consiglio il breve video a seguire

Farò da cavia (ho già cominciato in realtà) al corso, con una lezione al giorno per il prossimo mese e vedremo se sarò capace di migliorare la qualità delle mie presentazioni.

Diventa anche tu un Presentation hero.