Flash News
  • La vita digitale dopo… Di che fine fanno le nostre informazioni digitali quando non ci siamo più, è un tema che mi appassiona da tempo. Oggi per caso sono…
  • One Book, One New… Notevole come la città di New York abbia indetto un sondaggio per scegliere un libro che parla della città, da leggere tutti insieme. Un club…
  • Il futuro della mobilità… Fine settimana all'insegna della mobilità sostenibile. Venerdì avrò il piacere di partecipare a una conversazione promossa da Enel a Roma sul tema della mobilità sostenibile,…
  • Per una gig economy… Openpolis ospita vari contributi di riflessione sulla gig economy, ovvero quell'economia di servizi digitali che permettono di arrotondare con lavoretti abilitati da una piattaforma. Lavoretti…
  • Interrompere un libro che… Una delle ragioni per cui leggo tanto (57 libri e 13000 pagine da inizio anno) è che mi piace sperimentare cose nuove, sono aperto a farmi…
Facebook Twitter Linkedin
Esperienze

Software libero e platform coop per vincere contro i monopoli digitali

open

La frequentazione di nuove persone sulla piattaforma Mastodon, nell’istanza Social.coop, mi ha sensibilizzato e stimolato ad agire. Per analogia con il percorso che mi ha portato a diventare vegetariano, quasi vegano, ho cominciato a ridurre il consumo dei servizi dei monopolisti digitali, ricercando soluzioni alternative. Delle mappe ho già parlato. L’apertura di un profilo su Social.coop, alternativo a Twitter, è stato un altro passo in questo senso. Ho perfino donato 12 dollari al progetto, con OpenCollective. Social.coop vuole essere una piattaforma collaborativa cooperativa, in cui gli utenti partecipano alle spese della piattaforma. Meno di un euro al mese, per sostenere un progetto dal basso, mi sembra sostenibile. Tra l’altro tutti gli utenti possono dire la loro sullo sviluppo e sull’impiego delle risorse raccolte, con un’altra piattaforma: Loomio.

Nell’ultima settimana ho fatto ulteriori passi, che voglio tracciare qui. Ho prima testato la compatibilità del mio portatile con Ubuntu, istallandolo su una chiavetta USB e poi ho deciso di installare sul disco principale, a fianco di Windows 10. Ora ti sto scrivendo da Ubuntu 17.04. Per un po’ di tempo userò i due sistemi operativi in parallelo, ma per navigare certamente Ubuntu è perfetto. Ho anche deciso, dopo aver letto un articolo, di lasciare Google Chrome (e anche Vivaldi, che è sviluppato su Chromium, promosso da Google) per Mozilla Firefox, nuovamente competitivo. Negli ultimi mesi ho anche deciso di fare a meno di Google DNS, a favore di OpenDNS. Per scrivere gli articoli che ho pubblicato domenica sul Sole 24 Ore, ho usato per la prima volta Zoho Writer, piattaforma alternativa a Google Documenti.

Un servizio alla volta, sto riducendo la mia dipendenza da Google e sono ancora all’inizio del cammino. Considerando l’indagine della Commissione Europea su Google con l’accusa di abuso di posizione dominante a danno di Android, sto pensando seriamente di cambiare sistema operativo sul mio smartphone. Il tutto non è proprio una passeggiata di salute, ma si può fare.

Considerando l’effetto negativo che i monopoli digitali hanno sulla nostra vita, credo sia venuto il momento di aprire gli occhi e agire, un passo alla volta, per agire, partendo dai comportamenti quotidiani. Si può, basta volerlo.