Flash News
  • In cerca di ispirazione Questo spazio si prende una lunga pausa. Nelle prossime settimane cercherò di nuovo l'ispirazione tra paesaggi urbani, musei d'arte moderna e contemporanea, librerie e altri…
  • Come apparire intelligenti in… Questi sono solo alcuni consigli (ironici) su come apparire intelligenti durante una inutile riunione. 10 consigli per apparire intelligenti
  • La magia della scadenza… If you need the last minute to be your best self, first go manufacture some last minutes. Spesso ne avrei bisogno, tu? Seth Godin: If…
  • Scrivere in maniera inutilmente… Se invece vi rivolgete a un pubblico di persone che conoscono l’argomento di cui parlate, pensate che, se non sono sciocche, scopriranno il vostro bluff.…
  • Digital food marketing: consigli… Nicoletta Polliotto ha pubblicato un libro indispensabile per chi si occupa di ristorazione in Italia oggi: Digital food marketing, pubblicato dal mio editore Hoepli. Ho…
Facebook Twitter Linkedin

IL bene acqua: dramma per l’umanità?

Un pezzo fondato su dichiarazioni di Gianfranco Bologna

‘Il bene acqua, fondamentale per la vita sulla Terra, e a rischio per quantità, qualità e disponibilità. I segni di una crisi imminente ci sono tutti perché i fenomeni che mettono a rischio il ciclo idrico aumentano e non si sta facendo nulla per modificare queste tendenze, mentre la scarsità dell’acqua diventa sempre più motivo di conflitto sociale, economico e tra gli Stati”. Questo è l’allarme lanciato da Gianfranco Bologna, segretario aggiunto del WWF Italia, in occasione della Giornata mondiale sull’Acqua. Il dramma dell’acqua si dimostra il segnale più preoccupante dell’incapacità della politica, a livello mondiale, di affrontare i veri problemi del Pianeta. Nonostante la produzione di rapporti internazionali sui vari e gravi temi che incombono sulla salute dei sistemi naturali della Terra e su quella dei suoi abitanti, non si riescono ancora ad attuare le misure di cui tutti riconoscono la necessità e l’urgenza. Il rapporto ONU ‘Water for People Water for Life’, recentemente presentato in occasione dell’Anno internazionale sull’acqua, evidenzia i gravi problemi che l’intervento umano ha provocato con l’errata gestione delle risorse idriche del pianeta. Secondo Bologna, indagando le cause principali del dramma dell’acqua, notevoli responsabilità ricadono sull’aumento della popolazione umana e sui mutamenti climatici. L’ultima revisione delle proiezioni demografiche ONU (febbraio 2003) sostiene infatti che, secondo la stima mediana, nel 2050 la popolazione dovrebbe passare da 6,3 miliardi attuali a 8,9 miliardi di persone, con il conseguente sovrasfruttamento e inquinamento delle falde idriche per l’agricoltura, per l’industria e per gli scopi domestici. Gli scenari sull’evoluzione del clima, già in corso e futuri (Rapporto IPCC del 2001), prevedono ulteriori modificazioni nei regimi e nelle intensità delle piogge in molte zone del mondo, con incremento del numero di persone affette dai disastri climatici e dall’incremento dei danni economici ad essi correlati. In Italia la disponibilità teorica delle risorse idriche rinnovabili è stimata in 164 milioni di metri cubi di acqua, 2.700 litri a testa; quelle realmente disponibili sono però 52 milioni di metri cubi, a causa delle difficoltà di captazione e dello stato delle infrastrutture della rete idrica, problemi questi vissuti anche dalle Marche. Molta acqua viene usata, e sprecata, per l’agricoltura e l’industria, mentre i cambiamenti climatici e il processo di desertificazione in atto in alcune Regioni del Sud (Sicilia, Sardegna, Puglia, Basilicata) rendono i rischi di una ‘battaglia per l’acqua’ nel nostro Paese tutt’altro che remoti. L’Anno internazionale dell’Acqua sarà cruciale anche per l’applicazione della Direttiva Quadro in materia di acque dell’Unione Europea, che prevede la pianificazione della gestione della risorsa acqua, affinché venga garantito un razionale utilizzo per le differenti attività umane. Gianfranco Bologna boccia il Forum sull’Acqua di Kyoto come un ulteriore fallimento degli obiettivi della cooperazione globale, nuova occasione mancata dopo l’insuccesso del Summit della Terra di Johannesburg. Il rischio concreto è che si emarginino sempre più i paesi poveri e che non si tengano in considerazione i diritti delle generazioni future e delle altre specie viventi. L’approccio registrato per la risoluzione di questi problemi resta legato alla costruzione delle grandi dighe per lo sfruttamento delle risorse idriche e non alla gestione ecologica dei corsi d’acqua. L’Italia può fare la sua parte per invertire la rotta, a cominciare dalla riduzione dei consumi (l’Italia ha un prelievo pro-capite annuo di 980 metri cubi contro i 647 della Francia e i 719 della Germania) e dalla depurazione delle acque che, secondo il “Rapporto OCSE sulle performance ambientali”, nel nostro paese è ferma al 63%.

Il decalogo sull’acqua: oro blu da mettere in cassaforte

A seguire gli articoli usciti sull’inserto d’ambiente de Il Messaggero.

L’acqua potabile è vita, è il futuro, ma è anche il presente delle mille azioni quotidiane.

Usa il frangigetto sui rubinetti
Aprire e chiudere il rubinetto sono azioni abituali, che facciamo senza pensare. Nessuno è in grado di dire quante volte ripete questo gesto nella giornata, eppure esso può essere importante per consumare meno acqua. Basta applicare un frangigetto al rubinetto per consentire un elevato risparmio: si è calcolato che, con questa semplice precauzione, una famiglia di tre persone potrebbe risparmiare in un anno ben 6.000 litri d’acqua.

Chiudi il rubinetto quando ti lavi i denti o ti radi
Lavarsi i denti o farsi la barba sono azioni quotidiane che occupano alcuni minuti della giornata di tutti, durante i quali lasciamo scorrere l’acqua senza utilizzarla. Se tenessimo aperto il rubinetto solo il tempo realmente utile per il prelievo dell’acqua necessaria potremmo recuperare ben 2.500 litri per persona all’anno.

Fai la doccia anziché il bagno
Doccia o bagno? E’ una questione di gusti personali e di abitudine? Può darsi! Ma è anche una questione di risparmio. Per una doccia sono necessari circa 20 litri di acqua, mentre per un bagno ne occorrono circa 150.

Lava le verdure lasciandole a mollo anziché in acqua corrente
Le verdure vanno accuratamente lavate e risciacquate. Se per questa operazione scegliessimo di lasciarle a mollo in una vaschetta, per sciacquarle poi velocemente sotto un getto d’acqua, riusciremmo a risparmiare molta acqua potabile. Per una famiglia di tre persone è stato calcolato un risparmio di 4.500 litri.

Fai funzionare la lavatrice e la lavastoviglie a pieno carico
Se la famiglia non è numerosa, forse non è necessario far funzionare la lavastoviglie tutti i giorni. Lo stesso per la lavatrice: tutto è perfettamente pulito, ma forse basta aspettare un solo giorno a fare il bucato per avere la lavatrice completamente carica. Per una famiglia ‘tipo’ di tre persone sono 8.200 litri all’anno risparmiati.

Per lavare l’automobile usa il secchio e non l’acqua corrente del getto
Non pretendere di avere l’auto scintillante tutti i giorni. Usa il buon senso. Si è calcolato che il lavaggio dell’auto impiega acqua per circa 30 minuti, con un abbondante consumo. Se si utilizzasse un secchio si potrebbero risparmiare circa 130 litri ad ogni lavaggio.

Utilizza acqua usata per annaffiare orto, fiori o piante
Per annaffiare l’orto o i gerani del terrazzo non è necessario usare acqua potabile. Si può adoperare l’acqua già utilizzata per altri scopi, ad esempio per lavare le verdure o altro. In questo modo si può arrivare ad un risparmio annuo 6.000 litri.

Domenica dedicata alle Oasi del WWF

Tenete la domenica libera e consultate il sito dedicato per scegliere dove trascorrere un lieto pomeriggio immersi nella natura.
Sto parlando della Giornata delle Oasi del WWF Italia, con oltre 100 oasi aperte gratuitamente e la possibilità di diventare soci a 12 euro (messaggio promozionale). In una di queste ci sarò anch’io.

Si sversa sul bagnato: petrolio in Adriatico

Quando ancora le agenzie latitano, Pandemia lancia un flash sullo sversamento di petrolio in prossimità della raffineria API di Falconara (AN). A quanto sembra dalle prime informazioni questa mattina (durante uno scarico?) del petrolio sarebbe fuoriuscito da una nave, tant’è che cittadini nelle vicinanze hanno sentito un forse odore e hanno notato un insolito assembramento di barche al largo della raffineria stessa. Un altra catastrofe evitata? A gennaio era stata la volta della Nicole, al largo del Conero.