Visualizza tutti gli articoli con tag Kindle

10 anni con un ebook reader

commenti 2
Esperienze

Il tempo vola. Proprio in questi giorni, 10 anni fa, mi veniva regalato il mio primo Kindle, Kindle 2 per l’esattezza. Non è il primo ebook reader che ho avuto, perché un anno prima compravo il Cybook Gen 3, ebook reader tra i primi a essere commercializzato in Italia, con la sventura di non avere né SIM card, né WiFi, rendendo molto molto scomodo trasferire libri da leggere sul dispositivo. Kindle invece veniva con un collegamento 3G gratuito e il WiFi. Mi ha cambiato la vita.… Continua a leggere

Readsmart e ti si apre un mondo

Vivi meglio

Nonostante non sia un fan di Amazon, per n motivi, Kindle è il miglior ecosistema di lettura digitale in circolazione, a mani basse (guarda caso è la traduzione letterale di hands down, in inglese, curioso!).

Kindle mi permette di sottolineare i testi che leggo, come altre piattaforme, ma mi permette di esportarli e usarli su altri siti, come il nuovo Readsmart. Sito ancora un po’ acerbo, ma con buone potenzialità.

Se ti chiedi come faccia a scrivere post come questo, ora lo sai.

Con i libri di carta non si può fare.… Continua a leggere

Lavoratori sfruttati nella fabbrica dove si producono Amazon Echo e Kindle

Web & Tech

Niente di nuovo verrebbe da dire, purtroppo. Ieri il Guardian pubblica l’ennesima inchiesta dove emerge che la produzione cinese di tecnologia non rispetta neanche le leggi cinesi sul lavoro. Nel caso specifico si tratta della fabbrica Foxconn dove si producono Amazon Echo e Kindle.

L’articolo si chiude persino con la dichiarazione di Amazon che conosce la questione e l’ha già segnalata al suo fornitore. Ciò che manca ancora in queste storie è una presa di distanza del committente, non a parola, ma con i fatti. Come? Cambiando fornitore e assicurandosi che tutto ciò non avvenga più. Nella realtà dei fatti non interessa a nessuno. A Foxconn men che meno. Al governo cinese neanche, perché è pur sempre lavoro. All’Amazon di turno, archiviato l’articolo di giornale, importa avere il prodotto da vendere nei tempi e nei modi che preferisce. Non interessa neanche al consumatore finale, per cui conta il … Continua a leggere

Kindle Oasis, il reader per feticisti del libro digitale

Formazione permanente / Vivi meglio

kindle oasis

Da amante della lettura, prima ancora del libro digitale, dico che il nuovo Kindle Oasis non è un ebook reader per tutti, ma per i veri feticisti del libro digitale. Le innovazioni apportate non giustificano in alcun modo i 290 euro che costa. Certo, c’è sicuramente chi l’avrà già messo nel carrello, perché se lo può permettere e Amazon ne venderà a sufficienza per considerarlo un successo, ma è un ebook reader che puoi tranquillamente ignorare.

Il giroscopio che permette di leggere sia con la destra che con la sinistra, la leggerezza più leggera e lo spessore più incredibile che puoi immaginare sono azzerati dalla custodia con batteria esterna aggiuntiva, che lo rendono certo più elegante ma anche più ingombrante e pesante. Perché poi? Per permettere di leggere per due mesi senza ricarica: un mese non era già sufficiente per il lettore medio?

L’esperienza di lettura è … Continua a leggere

5 ragioni per cui il libro digitale non è decollato in Italia nel 2015

Formazione permanente

Un anno fa avevo cominciato a scrivere un post per condividere l’idea per cui la crescita degli ebook si sarebbe arrestata in Italia. Il post è rimasto in bozza fino a ora. Le cinque ragioni sono quelle a seguire, commentate oggi alla luce dei dati AIE 2015 segnalati su questo blog pochi giorni fa.

 

Gli editori non ci credono e non convertono il catalogo

Mi sbagliavo, visto che AIE segnala il 91% di novità in formato digitale. Non è dato però sapere quanto ricco sia oggi il catalogo complessivo. Forse non mi sono sbagliato del tutto.

Il boom degli ebook reader è finito

Qui ci sono vari indicatori a testimoniare che chi ne ha uno lo usa, chi non l’ha comprato, difficilmente oggi ne cerca uno.

I grandi lettori digitali hanno il reader pieno

Il tasso di crescita, pressoché stazionario, rende questa supposizione quantomeno verosimile.

Il libro è superfluo

Continua a leggere