Pandemia

Il riassunto delle notizie diventa un business

In Italia abbiamo il caso di successo di Good Morning Italia, capace di coinvolgere il gruppo Banzai nell’impresa e forte di un 20% di conversione di utenti in prova in utenti paganti (17,90 € all’anno si può).

skimm

Negli USA TheSkimm, una rassegna simile a Good Morning Italia, ma pensata per un pubblico giovane e femminile, con un formato grafico accattivante e un linguaggio scherzoso e coinvolgente, ha appena annunciato di aver raccolto circa 5 milioni € per lo sviluppo del business.

Columbia Journalism Review ha dedicato un pezzo al fenomeno, degno di forte attenzione. Di Quartz Brief avevo già parlato e mi sono abbanato all’Espresso dell’Economist, per ora con soddisfazione.

La Rassegna di ieri di TheSkimm

La notizia della raccolta fondi di TheSkimm

Una conversazione su libri e cultura, al ritmo dei bit

Ieri ho partecipato alla maratona organizzata da Feltrinelli Zoom, in occasione del compleanno della collana di libri digitali, per parlare di innovazione digitale in Italia, nel contesto della lettura e dell’editoria.

Una mezz’ora in compagnia di Marisandra Lizzi, moderati da Ciccio Rigoli. Clicca sul video player sopra o apri il video su YouTube.

Libri e cultura al ritmo dei bit.

La sfida per il dominio negli smartphone seguita da un blog bene informato

Internet mobile sta diventa internet, soppiantando l’uso di computer fissi e mobili. Per questa ragione diventa fondamentale seguire l’evoluzione del mercato degli smartphone per dare uno sguardo al futuro, con tutte le implicazioni relative alle imprese in competizione.

Jan Dawson è capace di ricerche approfondite e originali e di infarcire i suoi post di grafici, dati e considerazioni intelligenti, come quelle sul sorpasso di Instagram su Twitter.

Lettura più che consigliata.

Major-platforms-first-15-quarters

Beyond devices

2015, Un anno di lavoro in remoto

Ieri mi sono candidato a partecipare al progetto Remote year. Di che si tratta? L’idea è di raccogliere 100 lavoratori nomadi, tra sviluppatori, giornalisti, consulenti, web designer, e vivere un anno lavorando in remoto da 12 città diverse, dove il gruppo si fermerà un mese in ognuna di queste.

Da ieri ci si può candidare ed entro gennaio/febbraio verranno selezionati i 100 partecipanti. L’organizzazione si impegna a far incontrare domanda e offerta di lavoro per i 100 partecipanti che sono in ogni caso tenuti a versare 2000 dollari USA al mese per le spese di spostamenti, vitto e alloggio.

A mio avviso si tratta di una idea geniale e spero di essere incluso nel viaggio che avrà partenza il primo giugno 2015. Non sarà facile perché l’ideatore dell’iniziativa ha dichiarato di cercare giovani under 23, seppur con eccezioni, e 50.000 persone hanno chiesto di essere informati sull’apertura dell’application.

Il 2015 sarà l’anno del nomad working, con o senza la partecipazione a Remote Year.

In Italia Windows Phone in calo e iPhone in ascesa grazie a iPhone 6 e 6 Plus

Dal podcast di Techpinions ho scoperto Kantar e le statistiche sulle quote di mercato dei sistemi operativi di smartphone (iPhone, Android, Windows Phone, BlackBerry) sui principali mercati internazionali, Italia inclusa. Interessantissima lettura, comprensiva di trend, come puoi vedere sotto.

Notare come L’Italia sia una sorta di anomalia per Windows Phone, forte nel nostro paese e in pochi altri. Il dominio Android e iOS resta incontrastato con BlackBerry scesa ormai ai minimi termini, irrilevante.

Kantar Worldpanel

30% dell’ecommerce globale è già mobile?

Analizzando i dati di 100 miliardi di euro di vendite di 3000 soggetti, Criteo sostiene che il 30% dell’ecommerce mondiale sia già mobile.

Presentazione da studiare e analizzare nel dettaglio.

Criteo mobile commerce report Q42014

L’Italia sotto la media globale

mobile commerce

Italia 25esima nel Global Open Data Index

L’Italia perde 5 posizioni e si classifica al 25esimo posto nel Global Open Data Index, indice che misura la diffusione di dati aperti. Su elezioni, finanziaria e istituto di statistica siamo al 100% di dati aperti. Sui trasporti siamo a 0% purtroppo. La media è 55%.

Notare che siamo superati da India, Romania, Cile, Uruguay.

L’Italia nel Global Open Data System

La classifica generale con il Regno Unito in testa

La miniera di link di Benedict Evans

Un link meglio dell’altro. La newsletter di Benedict Evans è oro puro.

Un concentrato settimanale di segnalazioni su mobile, app, tech, web, con un occhio business rivolto al futuro, denso, anzi densissimo!

Abbonati!

Le news internazionali riassunte al mattino per te: Quartz

Good Morning Italia è la miglior rassegna stampa in italiano, sfornata all’ora di colazione, ricca di link sui giornali italiani e internazionali. Si legge in pochi minuti ed è un ottimo sostitutivo del tempo passato a sfogliare giornali o a vedere telegiornali. I primi 30 giorni sono gratis, poi costa 17,90 € l’anno.

Se conosci l’inglese e vuoi aggiungere una prospettiva ancora più internazionale, Quartz è la newsletter che fa per te. Pronta dalle 6 del mattino ora italiana, ti informa su tutto quello che devi sapere sulla politica internazionale, sull’economia e sulla tecnologia, con un occhio trasversale che comprende anche link di terze parti.

Abbonamento, gratuito, consigliato.

Quartz

I trend 2015 per il settore smartphone

Tra i podcast recentemente scoperti, merita una menzione Techpinions. L’ultima puntata dura poco più di 30 minuti e comprende interessanti considerazioni per l’evoluzione degli smartphone nel 2015. iPhone 6 e iPhone 6 plus hanno avuto un grande successo al lancio negli USA e ciò si inserisce in una tendenza, quella del phablet, destinata a consolidarsi nel 2015. L’anno prossimo sarà anche l’anno della verità per Windows Phone.

Ascolto altamente consigliato: Techpinions.

« Older posts

Copyright © 2014 Pandemia

Theme by Anders NorenUp ↑