Arriva un momento nella vita di un lettore in cui ti accorgi di non aver ancora letto alcuni grandi classici. Una sera, a casa di amici, ti trovi tra le mani I fratelli Karamazov e, letta l’introduzione critica, ti viene voglia di leggerlo. In due giorni sono arrivato al 23% – leggo un ebook – e tutto scorre amabilmente, tanto da farmi pensare al libro come a un appassionante Beautiful dell’800. Il mio Kindle dice che mi mancano 15h50m alla fine… continuo a leggere!

Crisi di mezza età

LinkedIn, questo sconosciuto

Piccole soddisfazioni:

Spesso vedevo arrivarmi inviti ad iscrivermi su Linkedin da parte di amici ma li avevo sempre ignorati, fino a quando un collega mi ha descritto bene le potenzialità di questo sistema e le opportunità che rischiavo di perdere, così mi sono iscritto per vedere di cosa si trattava.
Questo libricino oltre che spiegare il funzionamento e l’idea di fondo del sistema linkedin da molti spunti e consigli utili per sfruttare al meglio questa opportunità che è digitale, ma può riflettersi in modo molto incisivo sulla vita reale.
Utile e piacevole.

Recensione su Amazon – Lavoro e carriera con LinkedIn

P.S.
Non hai letto il libro e ti piacerebbe averne una copia? Il primo a commentare questo post ne riceverà una copia autografata, omaggio dell’autore :-)

Il tuo zuccherino è Facebook (Twitter o la posta elettronica o l’ultim’ora)

Ti sei mai chiesto perché a volte, compulsivamente, non puoi resistere all’ennesimo controllo della posta, alle notifiche di Facebook o a vedere gli ultimi tweet? Presto detto:

Studies show that constant, reliable rewards do not produce the most dogged behavior; rather, it’s sporadic and random rewards that keep us hooked. Animals, including humans, become obsessed with reward systems that only occasionally and randomly give up the goods. We continue the conditioned behavior for longer when the reward is taken away because surely, surely, the sugar cube is coming up next time.

Michael Harris – The end of absence