Il capitalismo della sorveglianza nell’era del Coronavirus

1 commento
Web & Tech

Technology is always ambivalent, and always has both benefits and drawbacks. But surveillance in particular is a dimension of tech that is explicitly about enacting power. And power, once given, is not only hard to take back, it is immensely difficult to wield fairly. In times of genuine fear, it can be easy to turn to a desire for authority; we must resist it, and in the face of a worrying global pandemic, turn to each other instead.

The Week

Un dibattito necessario che stiamo cominciando a fare è quali tecnologie implementare per tracciare i contagiati, attraverso lo smartphone, che tutti o quasi*, abbiamo in tasca. C’è il modello Singapore, il modello Cina, il modello Corea del Sud. A me non piace nessuno di questi. Che si tratti del governo, sorveglianza di stato, o aziende private, capitalismo della sorveglianza, il rischio di derive autoritarie è dietro l’angolo e la tecnologia, da sola, non ci salverà, né dal Coronavirus, né dall’emergenza climatica, né da altri problemi seri e globali. Per questo non c’è un’app, no.

Italia e Regno Unito a confronto per la strategia sul Coronavirus

1 commento
Esperienze

Italy was caught off guard, but rapidly imposed strict measures to attempt to contain the spread of the virus. The UK was not caught off guard, with the advantage of lessons from Italy as well as Asia, but still dithered, delayed and increased the number of avoidable deaths through temporary pursuit of a herd immunity policy, finally following Italy’s stricter model at least two weeks too late. The government bears great moral responsibility for its failure to develop clear policy and implement it swiftly. Italy did the right thing, though probably in the wrong way, while the UK was forewarned but not forearmed due to lack of a clearly thought through policy. If the lesson from Italy is “be vigilant”, the lesson from the UK is “be logical” – but only by being both can governments respond effectively to this crisis.

Dal blog sull’etica nella medicina del British Medical Journal

Continua a leggere

Attenzione ai dati giornalieri di morti e contagi da Coronavirus

Lascia un commento
Esperienze

In Italia ci siamo arrivati prima (qui Francesco Costa), in Spagna ci sono arrivati oggi, almeno su El Pais, che cita un post – i blog ancora servono a qualcosa, invece dei profili social, a quanto pare – di qualche giorno fa dell’Istituto di matematica dell’Università di Siviglia. La rivelazione?

I dati giornalieri sui contagi non sono veritieri, perché se il virus è lo stesso in tutti i paesi, il dato della mortalità non può avere percentuali diverse. Ergo i contagi da coronavirus sono sottostimati. Di quanto? Di un ordine di grandezza, ovvero sono da moltiplicare per 10 sia in Italia, sia in Spagna, occhio e croce.

Continua a leggere

L’universalità del virus

commenti 4
Esperienze

But right now, we’re in a moment of eye-opening universality. Each country needs every other country to get on top of the virus. And each country needs everyone within its borders to either not get it, get it slowly or get vaccinated against it. Today, it is no good for the middle classes to stay indoors and away from the virus if the homeless and incarcerated have no way to self-quarantine, and the poor are forced to work and risk spreading the disease anyway.

This will not last forever. The inequity of life will return again very soon—even today, money is buying celebrities and the powerful tests that ordinary people find harder to come by. But for the next year or so, until we have a vaccine, we’re in this together or not at all. Including the prime minister.

The Atlantic

Verremo fuori da questa emergenza Coronavirus solo quando saremo stati capaci di vincerla a livello globale, non a livello Italia e neanche Europa, a meno che vogliamo tornare a chiudere le frontiere in maniera permanente e alla quarantena obbligatoria per chiunque entri nel nostro paese, a tempo indeterminato o fino a quando non saremo tutti vaccinati.

Continua a leggere

70 corti dal festival SXSW, grazie al coronavirus

Lascia un commento
Esperienze

Ormai non esiste un soggetto culturale che non si sia inventato qualcosa per avere l’attenzione dei media per intrattenere il pubblico che, apparentemente, a casa se ne sta con lo smartphone o il telecomando in mano, disperato per non sapere cosa fare, più che per l’emergenza coronavirus. Tempi difficili.

Non segnalo opera su YouTube, concerti di musica sinfonica gratis, performance estemporanee dell’artista di turno su una piattaforma social a piacere e neanche i film che escono direttamente in digitale (manna, per chi è in astinenza da mancata frequentazione delle sale cinematografiche). Voglio invece segnalare lo streaming gratuito di 70 corti direttamente dal festival SXSW 2020, che non si è tenuto per ovvie ragioni.

Continua a leggere

Attività fisica al tempo del Coronavirus

Lascia un commento
Vivi meglio

Le alternative alla corsetta all’aperto – lo dico prima di tutto a me stesso – ci sono e sono tante. Per chi non ha attrezzatura a casa, certamente c’è uno smartphone e diverse app pensate per l’esercizio fisico e il fitness, che possono stimolare la motivazione che latita. Non so chi ha creato questa bacheca (Sport Tech Hub?), ma certo è piena di risorse da usare gratis, anche solo temporaneamente. Interessante anche lo strumento usato per raccoglierle.

Continua a leggere