Flash News
  • Podcast, il fenomeno del…… Avere un archivio di pensieri sotto forma di blog aiuta a contestualizzare alcune tendenze, come quella del podcast. Nel lontano 2006 avevo l'ardire di scrivere…
  • I miei social network… Nel fare pulizia nell'archivio di questo blog, mi imbatto in un innocente post con i miei social network, edizione 2017. Oltre alla tenerezza di vedere…
  • Che differenza c’è tra… Horizontal reading rules the day. What I do when I look at Twitter is less akin to reading a book than to the encounter I…
  • notebook, il blog per… Mubi, piattaforma di streaming pensata per cinefili veri - un film che cambia ogni giorno e che sparisce dopo 30 - ha un ottimo blog…
  • Silicon Valley, il vento… The New Republic dedica la copertina al cambio di orientamento verso la Silicon Valley, da positivo incontrastato a negativo. Quattro storie che leggerò appena possibile.…
Facebook Twitter Linkedin

Stoop, l’app per le newsletter

Stoop è diventata subito la mia nuova app preferita. L’uovo di colombo: una app che ti permette di ricevere le tue newsletter preferite (e scoprirne altre) in uno spazio separato dalla tua casella di posta. Diventato refrattario all’uso dell’email, per anni di overdose, Stoop mi riconcilia con le newsletter preferite, che diventano complementari a Feedly per i feed RSS.

Stoop genera una casella che diventa l’indirizzo email dove ti arrivano fisicamente le newsletter che leggi dentro l’app. A me sembra semplicemente geniale.

Stoop

via la newsletter (!) di Ann Handley

La rider economy

But what really put me off working in Peckham was the feeling that I was seeing the future, a future in which people sit alone in tall apartment blocks, eating homogenous food prepared by workers in black boxes scattered through public spaces made ghostly by disuse.

Non ho mai fatto uso di app per la consegna del cibo a domicilio, perché nella mia città il servizio è molto ristretto, ma soprattutto perché non voglio partecipare allo sfruttamento di lavoratori dipendenti trattati come autonomi. Pagati una miseria perché? Perché siamo pigri e non vogliamo fare una telefonata a cui risponde un essere umano e perché non vogliamo fare lo sforzo di andare a prendere il cibo. A proposito di comodità

London Review of Books è un’altra buona fonte che pubblica online alcuni articoli gratis per ogni nuovo numero. C’è sempre qualcosa di interessante da leggere.

Hibye, il social network di prossimità per attività faccia a faccia

Interessante il concept di Hibye, nuova app social pensata per mettere in contatto persone vicine a te con interessi o esigenze comuni. Un modo per unire il virtuale al reale. Hibye sintetizza il modo in cui è possibile attivare o respingere una richiesta di contatto, premendo sul bottone Hi o su quello Bye. Il video a seguire lo racconta in meno di due minuti.

Segue la presentazione che ho ricevuto per email, con i link per il download dell’app:

Hibye è un social davvero rivoluzionario: consente infatti la comunicazione “orizzontale” tra utenti in tempo reale, in tutta sicurezza (l’app è geolocalizzata, posso decidere se essere connesso oppure no, ho la possibilità di bloccare immediatamente eventuali utenti scortesi o indesiderati).

Hibye permette di parlare dal vivo con le persone per risolvere non solo le piccole esigenze della quotidianità (condividere un taxi o un caffè) ma anche sviluppare il proprio business e network professionale.

E’ possibile scaricare gratuitamente l’app dall’Apple Store http://apple.co/2uAlQ4S e da Google Play http://bit.ly/2ureobT.